Jefferson segna da tre, Gaines nel pitturato: l’inusuale Cantù-Torino finisce 86-76

Jefferson segna da tre, Gaines nel pitturato: l’inusuale Cantù-Torino finisce 86-76

Davon Jefferson (2/2 da tre) e Frank Gaines (10/14 da due) si scambiano di ruolo per la vittoria canturina. Menzione d'onore per Andrea La Torre che realizza il suo career high (9 punti). Per Torino il migliore è, per distacco, Giuseppe Poeta (17 punti)

DESIO- L’Acqua S.Bernardo Cantù ospita la Fiat Torino per tenere viva la possibilità di partecipare ai playoff. Gli ospiti, in un momento a dir poco complicato, hanno raggiunto la salvezza matematica lo scorso turno ma non possono dimenticare ansie e pressioni a causa dei possibili punti di penalizzazione. La lente d’ingrandimento è puntata nel pitturato dove si daranno battaglia Jaiteh e Jefferson: nessuno dei due è sceso sotto quota 17 punti negli ultimi tre incontri.

Palla a due ore 20:45.

Quintetti
Acqua S.Bernardo Cantù: 
Gaines, Blakes, La Torre, Stone, Jefferson.
Fiat Torino: Moore, Cotton, Wilson, Hobson, Jaiteh.

I QUARTO: Acqua S.Bernardo Cantù 20–20 Fiat Torino

Apre le danze un appoggio di Hobson, risponde Blakes in transizione. Moore e Hobson non riescono a dare fluidità all’attacco ospite e Stone ne approfitta fissando il punteggio sul 10-7 con due triple filate. Poeta dà ossigeno ai suoi sfruttando il p&r e permette a Torino di mettere la testa avanti a due minuti dalla prima pausa. Nel finale di quarto Frank Gaines impatta in contropiede.

 

II QUARTO: Acqua S.Bernardo Cantù 36–36 Fiat Torino

Tassone continua a faticare nel tenere Poeta che capitalizza dalla lunetta ma Gaines, nella inusuale veste di penetratore, ribalta l’inerzia dell’incontro. Il momento favorevole a Cantù non dura molto: Moore e McAdoo scrivono il 24-27. A metà secondo periodo l’uomo partita è Giuseppe Poeta, solo le triple di Stone possono pareggiare la sua intensità e tenere i padroni di casa in scia. Jefferson, che trova i primi punti della sua partita, ed il solito Stone (già 13 punti) riducono prima il gap, poi impattano a quota 36.

 

III QUARTO: Acqua S.Bernardo Cantù 64–58 Fiat Torino

Cantù parte con più decisione e, con un parziale di 6-0 firmato interamente da Andrea La Torre, costringe Galbiati al timeout. Dall’altra parte il protagonista è Hobson entrato decisamente con un altro piglio rispetto al primo tempo: controsorpasso Torino sul 45-46. Le difese di entrambe le squadre non riescono a dare continuità alle buone cose costruite in attacco e la parità rimane totale a quota 52. La Torre dalla lunga risponde all’appoggio in backdoor di Hobson e Davon Jefferson, sulla sirena, realizza la seconda tripla del suo incontro che sposta per l’ennesima volta l’inerzia del match.

IV QUARTO: Acqua S.Bernardo Cantù 86–76 Fiat Torino

Poeta prova a controbattere all’acuto di Jefferson accorciando le distanze fino al 71-68 ma stavolta è l’atletismo delle guardie canturine a far la differenza rispedendo sotto Torino. Tanta confusione in campo dopo il timeout di Galbiati con le due compagini che non segnano per diversi possessi; a sbloccare la situazione ci pensa Jefferson, è 77-68 a 4 minuti dal termine. A mandare i titoli di coda sull’incontro ci pensa Gerry Blakes con la tripla del +12. Gaines si scatena nel finale e migliora le cifre di una ottima prestazione.

 

[pb-game id=”399221″]

Commenta