La disperazione del Palacarrara è tutta di Ramagli: Reggio Emilia lascia Pistoia sul fondo

La disperazione del Palacarrara è tutta di Ramagli: Reggio Emilia lascia Pistoia sul fondo

La sfida tra le ultime della classe premia la Grissin Bon Reggio Emilia. Pillastrini aggancia Pesaro e Torino, la OriOra Pistoia è ultima da sola

La disperazione del Palacarrara è tutta di Alessandro Ramagli: la Grissin Bon Reggio Emilia vince lo scontro di fondo classifica, lasciando la OriOra Pistoia ultima in solitaria. Una gioia attesa dal 6 gennaio per gli uomini di Stefano Pillastrini, che agganciano Torino e Pesaro.

La decide Riccardo Cervi, in campo nel finale solo per il quinto fallo fischiato ad un geneoroso Ortner. Il centro di Pillastrini conquista tre rimbalzi fondamentali nell’ultimo minuto, Pistoia perde Mesicek per un colpo proibito a Llompart e non trova alternative a Mitchell. E l’ennesimo test invocato da Alessandro Ramagli è fallito. 76-80 il finale, e fattore canestri ribaltato.

I TOP E I FLOP DI SPORTANDO

Top Riccardo Cervi ( Grissin Bon Reggio Emilia ) – Pillastrini punta su un ottimo Ortner, ma arrivato il quinto fallo ecco l’ingresso di Cervi, che con 3 rimbalzi fondamentali negli ultimi 68’’ decide la gara.

Flop Blaz Mesicek ( OriOra Pistoia ) – 2 punti con 0/2 al tiro, e l’espulsione a metà quarto quarto che priva Ramagli di un’opzione fondamentale. Colpevole.

[pb-game id=”399174″]

4° QUARTO

Dopo il parziale in chiusura di terzo quarto di 6-2 la OriOra Pistoia non segna più per quattro minuti e mezzo. Si parte con due palle perse di Della Rosa, mentre Reggio colpisce con Llompart, Ortner e Gaspardo per il 63-69 con 5.54. Tony Mitchell sblocca da 3 punti ma si prende un tecnico per un «tagliagola» inviato ai tifosi ospiti, e domina la tensione come dimostrano le 18 palle perse a squadra, mentre Llompart finisce a terra per un colpo proibito al volto di Mesicek con 4.51 da giocare. Espulso il giocatore di Ramagli, ed è tensione alle stelle con un antisportivo anche a Llompart poco dopo, a 4.05. 70-72 con 4’ da giocare. Non si segna per un altro minuto e mezzo, Dixon fa 1/2 dalla lunetta mentre Crosariol va in lunetta prendendosi il quinto fallo di Ortner con 86’’ da giocare: 71-73. A 1.08 in lunetta ci va Riccardo Cervi : 2/2, 71-75 e un rimbalzo difensivo che riporta il centro in lunetta con 43’’ da giocare. 1/2, ma Mitchell nel momento peggiore si prende canestro e fallo. L’ala USA non colpisce, mentre Riccardo Cervi voglie un altro rimbalzo offensivo fondamentale a 17”: 1/2 e +4. Sull’errore di Mitchell, fallo a rimbalzo di Krubally, Cervi fa ancora 1/2 ma Mitchell piazza la tripla del -2 a 4”.

3° QUARTO

Tony Mitchell segna 12 punti nel quarto arrivando a quota 19 con 8 falli subiti, ma è Reggio a comandare le danze, anche per il 6/14 da 3 e il 28-21 a rimbalzo. Quando Allen fa 2/2 dalla lunetta a 3.18 (13/13 di squadra) Reggio arriva al 57-61, ma sulla sirena Della Rosa mette la tripla del 63-63. Parità a 10’ dalla sirena.

2° QUARTO

39-40 a fine primo tempo. OriOra Pistoia, che ha 11 punti da Patrick Auda , 7 da Odum con 3/4 dal campo e 7 da Tony Mitchell . 2/4 da 4 da 3, mentre gli ospiti tirano 37 volte contro le 29 dei padroni di casa, grazie al 24-11 a rimbalzo, con 15 offensivi in soli 20’, di cui 3 di De Vico e Cervi. 10 di Dixon.

1° QUARTO

La OriOra Pistoia vuole subito aggredire il match, e ci riesce con i canestri di Krubally e Odom, con Crosariol che fissa l’11-4 a 6.33. Mitchell esce per il secondo fallo, Dixon piazza la bomba del -2 sul 15-13 a 2.24, e poi è parziale di 0-9 con Mussini e Allen. 17-22 a fine primo quarto.

Commenta