La Happy Casa torna ad infiammare il PalaPentassuglia: superparziale finale e Venezia nel sacco

La Happy Casa torna ad infiammare il PalaPentassuglia: superparziale finale e Venezia nel sacco

Ospiti a lungo al comando, poi in fuga nel segno di Watt, Daye e di un parziale di 13-1 nel terzo quarto. Ma il finale è tutto degli uomini di Frank Vitucci, con Zanelli e Banks al comando

Esplode di gioia il PalaPentassuglia! I tifosi della Happy Casa Brindisi riscoprono le emozioni fiorentine, e la squadra di Frank Vitucci firma un’altra emozionante rimonta in questa indimenticabile stagione che ha sempre più il sapore dei playoff.

L’Umana Reyer Venezia fallisce la missione «avvicinamento» al primato di AX Armani Exchange , smarrendo totalmente la via del canestro negli 8’ focali del quarto quarto, quando un parziale di 13-1 ad inizio ripresa pareva aver scritto la parola «successo», peraltro nel nome del sempre atteso Austin Daye . Anonimo esordio per DJ Kennedy , con nessun tiro in 8’.

E invece, con Alessandro Zanelli al comando delle operazioni, e un Adrian Banks che trova la via del canestro dopo essere rimasto a zero per più di 20’, ecco il parziale di 18-0 che ribalta la partita, e mantiene un PalaPentassuglia nel delirio playoff.
71-65 il finale.

I TOP E I FLOP DI SPORTANDO
Top Alessandro Zanelli ( Happy Casa Brindisi ) Ribalta come un calzino la gara con la sua regia nel quarto quarto, e la tripla del sorpasso. 7 punti, 4 rimbalzi e 4 assist in 20’, ma il suo impatto va oltre i numeri
Flop Marquez Haynes ( Umana Reyer Venezia ) Senza Stone maggiormente responsabilizzato, ma non incide. 9 punti con 3/10 al tiro.

[pb-game id=”399186″]

4° QUARTO
Una brutta persa di De Nicolao vale in canestro in contropiede di Banks, e con un parziale di 6-0 la Happy Casa Brindisi torna sul 55-61 a 6.24. Improvviso e scioccante lo stop offensivo della squadra di De Raffaele, che non produce più dai tre punti di Cerella dopo 2’.Con due liberi di Woj si arriva al 59-61 con 4.16 da giocare e 10-0 di parziale. La gara si infiamma. Banks in contropiede per il pareggio, Alessandro Zanelli (impatto devastante sulla gara, ndr) con la bomba del sorpasso, Gaffney che stoppa Tonut (con fallo?): è 64-61 a 2.11 con un PalaPentassuglia che riscopre, nel cuore dei suoi tifosi, le emozioni fiorentine. Ed è tripudio quando Adrian Banks trova canestro e fallo, per il 67-61 e un parziale di 18-0 a 1.43. Solo a 48’’ Austin Daye trova l’appoggio del 67-63, ma l’alzata di Adrian Banks per Woj chiude il match a 46’’.

3° QUARTO
Gara che potrebbe trovare la sua svolta dopo i primi attimi del terzo quarto. Dopo il 40-42 di Wojciechowski Brindisi incassa un parziale di 1-13, con Austin Daye che diventa protagonista con la giocata conclusiva e 16 punti all’attivo. Rush rompe la dieta con il primo canestro (che è anche il primo tiro in 11’) della sua gara. 49-58 a fine terzo quarto.

2° QUARTO
Primo tempo che si chiude con Umana Reyer Venezia avanti di un solo punto grazie al 20-13 del secondo quarto, con un Riccardo Moraschini da 9 punti e 4 rimbalzi. Jeremy Chappell è a quota 7 senza triple, Adrian Banks che in 15’ ha tentato una sola conclusione ma ha 7 rimbalzi a equilibrare le 4 palle perse. La Reyer avanti con i 12 di Watt con 5/5 da 2 e il secondo quarto di un Haynes da 5 punti. 4′ e nessun tiro per DJ Kenedy.

1° QUARTO
Umana Reyer Venezia senza Julyan Stone, ma comunque al comando delle operazioni come dimostra il 24-16 di fine primo quarto. Ospiti che hanno 7 punti da Stefano Tonut con 3/4 dal campo, e 8 dal solito Mitchell Watt di questo periodo, con 4 rimbalzi. Brindisi che vede un solo tiro di Adrian Banks e ringrazia i 10 del solito John Brown III con 5/7 da 2 e 3 rimbalzi.

Commenta