LBA Finals: la Dinamo si impone su Venezia, si va a gara7!

LBA Finals: la Dinamo si impone su Venezia, si va a gara7!

Sassari porta la finale alla bella. Vittoria 87-77 contro Venezia in Gara 6

Primo match point per Venezia che alle 20.45 scende in campo al PalaSerradimigni per provare a vincere il secondo scudetto in tre anni.
Sassari proverà, tra le mura amiche, a portare la sfida alla bella.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Quintetti

Dinamo Sassari. Smith, McGee, Pierre, Thomas e Cooley.

Umana Venezia. Haynes, Stone, Bramos, Vidmar e Mazzola.

I QUARTO. Dinamo Sassari 19 – Umana Venezia 25

Bramos apre le danze dall’arco, per i padroni di casa risponde Thomas con la stessa moneta. La Reyer mette la testa avanti sul 3-10 con Haynes e Bramos, a quota 9 punti nei primi 4′. Smith sblocca il Banco a cronometro fermo: controbreak di 6-0 e Sassari si riporta a un possesso. Haynes e Mazzola trascinano avanti i lagunari bombardando dalla lunga distanza. Tensione altissima sul parquet, il 2+1 di Thomas rompe l’inerzia veneziana, Cooley si iscrive a referto: la bomba di Thomas firma il sorpasso sassarese. Timeout Umana. Sassari allunga il parziale a 10 lunghezze, la coppia Watt-Cerella sblocca gli ospiti e scava il gap con un 9-0 di risposta. Al 10′ gli uomini di Walter De Raffaele avanti 19-25.


II QUARTO. Dinamo Sassari 34 – Umana Venezia 40

Thomas accorcia le distanze e sigla il quindicesimo punto personale, la stoppata di Carter ferma il contropiede veneziano di Tonut ma la Reyer trova con De Nicolao la retina. Cooley lotta sotto le plance con pazienza, la tripla di Polonara riporta gli isolani a un possesso. Daye ricaccia indietro la Dinamo, a Watt vengono sanzionati due falli in un giro di cronometro. Bramos supera la doppia cifra con la terza tripla della sua partita, Watt fa 1 su due ai liberi (26-33). Tecnico alla panchina sassarese, Bramos non trema a cronometro fermo: il Banco si sblocca con Cooley che però non sfrutta il tiro addizionale. Pierre chiude il contropiede e Cooley monetizza il secondo fallo di  Daye, Sassari nuovamente sotto di un possesso. De Nicolao in lunetta, Haynes dall’arco e l’Umana riscrive il +6. Alla seconda sirena il tabellone dice 34-40.

III QUARTO. Dinamo Sassari 63 –  Umana Venezia 57

McGee apre le danze dall’arco,Haynes infila i primi punti del secondo tempo dalla lunetta. Botta e risposta nel pitturato tra Cooley e Watt: il giocatore numero 50 conduce gli orogranata. Gli isolani però restano a contatto con Smith: il play biancoblu sigla il 46 pari a cronometro fermo. Tutto da rifare per la Reyer: Daye dalla media, canestro and one di Thomas. Le due squadre si affrontano a viso aperto in una danza a due: botta e risposta tra Daye e Cooley. Il Banco trova un mini allungo con Cooley a rimorchio e sul 55-52 coach De Raffaele chiama minuto. I suoi escono bene dal timeout: Bramos dai 6,75 è  una sentenza e ristabilisce la parità. Watt sigla l’allungo,  McGee risponde a cronometro fermo e monetizza il quarto fallo di Vidmar. Spissu e Polonara conducono gli isolani con un break di 6-0 mentre l’attacco orogranata si inceppa e resta cristallizzato per oltre 2′. Al 30′ è 63-57.

IV QUARTO. Dinamo Sassari 87Umana Venezia 77

Carter allunga il break isolano aperto nella terza frazione, Watt sblocca i suoi. La tripla dell’ex Pinar dice +9 per i padroni di casa, Daye monetizza il secondo fallo di Cooley con 1 su 2 dalla linea di carità. Spissu appoggia al vetro il canestro del +10, Cooley allunga ancora: i padroni di casa firmano un 15-3 che convince coach De Raffaele a parlarci su (72-60). Spissu mette il sigillo sul massimo vantaggio sassarese (75-60), Watt con canestro and one suona la carica ai lagunari. Il quarto fallo del numero 50 però lo costringe alla panchina: Cooley non trema a cronometro fermo. Venezia bombarda dall”arco con De Nicolao e Cerella, per gli isolani risponde Spissu. Il quinto fallo chiude la partita di Vidmar, quarto fallo per il centro sassarese:Cooley infila il punto numero 26 e scrive il nuovo +16. La schiacciata di McGee esalta il PalaSerradimigni. Venezia accorcia con 100” sul cronometro grazie a Giuri e De Nicolao riportando lo svantaggio sotto la doppia cifra. L’antisportivo fischiato a Daye manda Polonara in lunetta che ristabilisce il +10,  con gli ultimi 23” sul cronometro spissu spegne il pallaggio. Si va a gara7 tra 48 ore al Taliercio!

Commenta