La Dinamo Sassari annichilisce Venezia al Taliercio e si prende il fattore campo

La Dinamo Sassari annichilisce Venezia al Taliercio e si prende il fattore campo

Non c’è storia in questo secondo atto: 66-80 il finale, con stretta di mano tra i due coach a 20'' dalla sirena

Gianmarco Pozzecco aveva detto di essere ancora più sereno dopo il ko di gara-1 nella finale scudetto con Umana Reyer Venezia. E non poteva avere più ragione. Il suo Banco di Sardegna Sassari annichilisce letteralmente gli avversari in gara-2, impatta la serie sull’1-1 e ribalta il fattore campo portando i destini nelle mani degli uomini di Stefano Sardara.

Non c’è storia in questo secondo atto: 66-80 il finale, con stretta di mano tra i due coach a 20” dalla sirena.

4° QUARTO

Venezia è forza della disperazione, Sassari agevole controllo. 11-10 il parziale dopo 9’per una Venezia che ha 16/31 da 2 e 7/34 da 3. Numeri inqualificabili per una finale scudetto. Pozzecco con quattro uomini in doppia cifra se ne va, anche e soprattutto per un dominio a rimbalzo da 13 offensivi in 39’.

3° QUARTO

Sassari al comando, sempre e comunque, e 52-66 a fine terzo quarto. Padroni di casa che hanno 15 punti da Daye, ma perdono per 5 falli Watt a 3.24 e non capitalizzano dal 36-51 di metà quarto il rientro sino al 51-58 (due triple di Giuri) incassando un parziale di 1-8. Sassari ha 16 punti da Smith e 14 da Cooley con 33-27 a rimbalzo di cui 11 offensivi.

2° QUARTO

Parziale di 11-1, Sassari che arriva al 28-41 prima del 30-41 di fine primo tempo. Reyer che ha 8 punti da Daye e 5 da Haynes, ma 3/12 dall’arco a confermare una difficoltà dall’arco che diventa 8/21 da 2. Per Sassari 9 dell’ex McGee e un Polonara da 4 punti e 6 rimbalzi.

1° QUARTO

Sassari subito al comando e che chiude 17-21 il primo quarto. Ospiti che hanno 1/6 dall’arco ma 6 punti da Thomas e 8 uomini a segno. Umana in affanno, 4 di Watt e 6 di Daye.

Commenta