Treviso comanda per tre quarti, poi crolla nell’ultimo. Vince la Fortitudo 77-69

Treviso comanda per tre quarti, poi crolla nell’ultimo. Vince la Fortitudo 77-69

Pazzesca rimonta dalle Fortitudo Bologna che rincorre per tre quarti di gara. Il parziale in 15 minuti è di 26 a 7 per la Effe che ribalta il match e vince 77-69. 23 di Robertson

Non bastano tre quarti quasi perfetti alla Dè Longhi per sbancare il Paladozza L’ultimo, quello decisivo, Logan e soci lo passano sparando a salve (4/21 dall’arco), con un solo cesto dal campo, dilapidando i 10 punti di vantaggio al 25°. Bologna ringrazia, stravince la ripresa 41-24, con tre missili di Robertson (23) nei momenti clou (fin lì si era sparacchiato dall’arco), a far ribollire il Paladozza, domina a rimbalzo (46-31), e fa 26-7 in 15 minuti quando c’era da correre per davvero.

Italy - LBA Serie A 2019-2020 - 13 Ottobre 2019, 20:45
Fortitudo Bologna 77 69 De'Longhi Treviso
Vai al boxscore

C’è tanto Cooke nel 2-10 esterno che costringe coach Martino al primo stop di serata dopo appena tre giri d’orologio. La scossa per Bologna arriva da Daniel prima, con la Effe a riannusare gli avversari (9-12) e missile di Robertson poi per riagganciarli (14-14). Alla prima pausa si viaggia quindi quasi a braccetto, con la Pompea a limitare i danni, e quasi perfetta da vicino (6/7). Perso Tessitori da una parte e Fantinelli dall’altra (2 falli a testa), la Dè Longhi ritenta la fuga: Fotu diventa un problema per Daniel, e Treviso sfiora la doppia cifra di avanzo (22-31). Bologna trova linfa dalle giocate di Robertson (3 giochi 2+1), ma viene ricacciata indietro dal 3+1 di Nikolic (con supporto video per convalidare la tripla) e successivo tap-in di Fotu per l’errore dello stesso Nikolic sull’aggiuntivo (29-42). Ancora un sussulto di Robertson, prima della tripla di Cooke sulla seconda sirena di gara per il 36-45.

Nove consecutivi scaraventati da Aradori infiammano la ripresa con Bologna a riacchiappare gli avversari (47-47) e coach Menetti a fermare l’ondata biancoblù. Minuto che rinfranca gli ospiti: Logan-Fotu costruiscono il 7-0 esterno che stavolta costringe Martino a fermare il match. Treviso torna a dettare i ritmi, e a riprendersi margine (49-59 con 2-12), ma non ammazza il match. Altro 1/7 dall’arco, e Bologna che in un amen, con 10-0 quasi tutto in lunetta, risucchia tutto al terzo stop. Il parziale casalingo diventa pure 12-0 per il primo vantaggio di serata (61-59) in apertura di ultimo quarto, allungato (e siamo 17-3) da altro missile di Cinciarini per il 66-62 al 36°. Treviso smette di segnare dal campo, e Parks, pescato in antisportivo (ci vuole la tv ai grigi), manda Cinciarini in lunetta ad allungare il brodo. La tripla di Robertson a 1’48” dal gong fa esplodere il Paladozza. Le altre due sanciscono la vittoria.

Commenta