Landi: La prossima sarà la mia ultima stagione in Pallacanestro Reggiana

Landi: La prossima sarà la mia ultima stagione in Pallacanestro Reggiana

Un affiancamento al nuovo timoniere? Perché no. Vogliamo fare meglio dell'ultima stagione: ripartiamo da Barozzi e Frosini. L'allenatore? Vedremo

Lunga conferenza di Stefano Landi di cui riepiloghiamo i punti chiave:

Ci sono due punti fermi: la PR sarà dove le spetta l’anno prossimo, in Serie A, con me nella veste di patron e il suo CDA.
Il secondo punto è che la 19/20 sarà l’ultima stagione di Stefano Landi.
La stagione travagliata non ha inciso sulla mia scelta. Decisione maturata dopo diverso tempo di riflessione. Se le cose fossero andate meglio avrei fatto questo annuncio già prima ma non volevo condizionare un momento sportivo già delicato.

Il mio impegno sarà lo stesso che ho sempre avuto in questi anni. Non sarà un anno dove aspettare l’ultima partita, ci stiamo muovendo perché vorrei lasciare la PR prima di tutto in serie A, poi impiegare questo anno per sistemare alcuni miglioramenti a livello di staff e organizzazione. Ci sarà un impegno da parte nostra per lavorare su questo aspetto. Posso aggiungere che la PR potrà andare in mano a qualcuno che mi deve piacere e garantire certa continuità. A quel punto la PR uscirà con 0 euro e 0 debiti. Non posso pensare che la PR non trovi o che non ci sia una persona o un gruppo che vuole portare avanti questa società. È impossibile, sarebbe un fallimento per la città e non ci voglio pensare. La PR non ha mai avuto un fallimento, dal 82 siamo professionisti ininterrottamente. Quante altre società lo sono? È una ricchezza assoluta per la città. Non ci voglio neanche pensare. Sicuramente ci sarà un nuovo gruppo dirigente che farà continuare una realtà.

Affiancare qualcuno? Perché no, non lo escludo. Un impegno sia finanziario sia con la mia esperienza.

Polisportiva? Ne ho già parlato. Sono sempre stato molto favorevole a realizzare una Polisportiva. C’è tanti lavoro da fare e non ho mai avuto reali interlocutori. Il calcio ha avuto vicissitudini a livello societario, gli interlocutori cambiavano molto rapidamente. Ora la situazione mi sembra diversa, con Quintavalli ne abbiamo già parlato, potrebbe essere un tema. Abbiamo anche il Rugby che ha fatto una stagione straordinaria in mano a un imprenditore reggiano vulcanico come Grassi. Sarebbe bello perché ci sarebbero opportunità commerciali e marketing fantastiche per aumentare interesse di tifosi e sponsor.

Grissin Bon, confermerà la sponsorizzazione? Mi sbilancio. Credo che Bernardelli continuerà a essere sulle nostre maglie anche la prossima stagione.

Staff tecnico, cambieranno? Abbiamo punti fermi: io e il CDA, il direttore generale Barozzi e il direttore sportivo Frosini che ha un contratto che vogliamo onorare da entrambe le parti. Il suo lavoro in 7 anni è sicuramente positivo e tra l’altro è una persona seria, di grande fiducia e in questo mondo non è scontato trovare gente così.

Allenatore? Non abbiamo nulla. Ho detto a Barozzi e Frosini di aspettare lunedì e poi lavorare. Iniziamo oggi le ricerche partendo da allenatore e staff. Pillastrini non resta? È un allenatore che attualmente non è sotto contratto. È uno dei papabili, come tanti altri. Nel suo caso essendo stato l’ultimo allenatore, sarà sicuramente il primo con cui parleremo.

Commenta