La Virtus Roma trova pronto riscatto: battuta Latina per 81-76

La Virtus Roma trova pronto riscatto: battuta Latina per 81-76

Capitolini vincenti nell'anticipo del 20° turno. Sims top scorer con 26 punti.

La Virtus Roma torna alla vittoria battendo la Latina Basket per 81-76 nell’anticipo della 20a giornata, un derby laziale che era anche e soprattutto uno scontro d’alta classifica. Una partita tirata nella quale spiccano i numeri di Henry Sims (26 punti e 15 rimbalzi), il che però non deve far passare in secondo piano il contributo essenziale di Aristide Landi (15 punti, 7 rimbalzi). Il top scorer della Benacquista è stato Mike Carlson (19 punti), la cui uscita per falli a poco più di cinque minuti dalla fine ha privato coach Gramenzi di un’importante risorsa offensiva.

 

L’avvio di partita sorride a Latina, che nella prima metà della frazione trova diversi buoni canestri e tocca più volte il +7. Nei secondi cinque minuti gli attacchi non spiccano per vivacità, in particolare quello di Roma che trova punti quasi solo tramite Sims (10 punti nel primo quarto). I padroni di casa riescono comunque a riguadagnare un po’ di terreno e i primi dieci minuti si chiudono sul 14-18 Latina.

Nel secondo quarto, Roma mostra un volto migliore e riesce finalmente a sbloccarsi dall’arco con le triple di Landi e Baldasso (22-20, -7’52”). I pontini però trovano ottimi spunti con Carlson e Lawrence, riportandosi in vantaggio in un match che comincia offrire maggior divertimento – o perlomeno, migliori percentuali al netto di alcuni errori evitabili, specie da parte ospite nella seconda metà della frazione. C’è molto equilibrio e Roma riesce a rimettere il naso avanti con due liberi di Landi proprio a ridosso della sirena: le squadre vanno negli spogliatoi sul 39-37 Virtus.

Al ritorno in campo, Latina fa sempre fatica a imporre i propri ritmi e l’inerzia si sposta progressivamente in favore di Roma, la quale continua a condurre nel punteggio pur non riuscendo davvero a scrollarsi gli avversari di dosso. L’intensità sale sia in campo e che sugli spalti: durante l’ultimo giro di lancette, la Virtus trova punti dalla lunetta per due volte, e per altrettante volte viene infilata sotto canestro: il quarto si chiude sul 57-53 Roma.

I capitolini vanno in difficoltà all’inizio dell’ultima frazione, assistendo al sorpasso nerazzurro firmato Carlson, autore di due triple a cavallo di un timeout chiamato da Bucchi (61-64, -6’58”). La reazione di Roma non si fa attendere e la squadra di casa si riporta avanti: poi le cose si mettono di bene in meglio con l’uscita di scena dell’americano di Latina, che spende il quarto e il quinto fallo del suo match in un batter d’occhio (67-64, -5’07”). La Benacquista risponde al momento di difficoltà: equilibrio e tensione sono massimi in un finale di partita affatto spettacolare e condizionato dalla gran quantità di fischi che la spezzettano. Il batti e ribatti dell’ultimo minuto e mezzo di gioco sorride a Roma: Landi risponde a una tripla di Fabi (79-76, -1’08”), poi la Virtus non trova il canestro in due possessi consecutivi, Latina avrebbe abbastanza secondi per riportarsi sotto ma l’outlet pass di Baldassarre finisce incredibilmente fra le mani di Roma. Un libero a testa per Baldasso e Sandri fissano il punteggio finale sull’81-76 per la Virtus.

[pb-game id=”404640″]

Commenta