La durissima accusa di Magic Johnson: Andato via per colpa di Pelinka. Mi ha pugnalato alle spalle

La durissima accusa di Magic Johnson: Andato via per colpa di Pelinka. Mi ha pugnalato alle spalle

Le dure parole dell'ex presidente dei Lakers: Quando Pelinka è diventato GM tanti agenti mi hanno chiamato dicendomi di guardarmi le spalle da lui

Durissime accuse di Magic Johnson nel corso di Get Up.

L’ex presidente dei Los Angeles Lakers si è scagliato contro Rob Pelinka dicendo che il suo addio ai gialloviola è a causa del GM della franchigia.

“Mi ha pugnalato alle spalle. Non ero più contento di andare al lavoro, soprattutto quando sapevo di dover lavorare accanto ad una persona che voleva il mio posto. Se dobbiamo parlare di tradimento, dobbiamo parlare di Rob” ha detto Magic. “Quando Pelinka è diventato GM tanti agenti mi hanno chiamato dicendomi di guardarmi le spalle da lui” ha aggiunto la leggenda del basket mondiale che non rinnega le modalità del suo addio ai Lakers. “Avrei potuto farlo in maniera diversa ma l’ho fatto alla mia maniera”.

Magic ha ammesso di volere Tyronn Lue come allenatore dei Lakers, una volta esonerato Luke Walton.

“Ty è un coach incredibile e per i Lakers io volevo il meglio” ha continuato Magic secondo cui all’interno della franchigia troppe persone hanno voce in capitolo. “Linda e Kurt Rambis danno consigli a Jeanie Buss. E secondo me anche Phil Jackson. Qualcuno deve prendere il comando, ci sono troppe voci”.

Commenta