La Bakery firma Marco Perin

La Bakery firma Marco Perin

É ufficiale. La Bakery Piacenza ingaggia il playmaker Marco Perin per sostituire l'infortunato Maggio

É ufficiale. La Bakery Piacenza ingaggia il playmaker Marco Perin per
sostituire l’infortunato Maggio. La squadra del presidente Beccari
piazza così un ottimo acquisto, prelevandolo da Orzinuovi, in serie A2.
Un grande rinforzo che vestirà i colori biancorossi per tutto il resto
della stagione.
Marco Perin è un playmaker di 185 cm, con una grande visione di gioco,
ma anche con una mano molto calda.

Nato a Grosseto il 24 luglio 1993, Perin inizia a giocare a
pallacanestro nel Grosseto Basket prima di approdare alla Mens Sana
Siena. Dopo una stagione in prestito alla Virtus Siena, ritorna alla
casa madre dove si divide tra giovanili e prima squadra, raccogliendo
anche qualche presenza in serie A1 nel roster pluricampione d’Italia
guidato da Simone Pianigiani. Perin ha esordito in serie A nel 2011
contro Brindisi regalando a Pietro Aradori l’assist per il centesimo
punto di Siena.

Nel 2012/13 si trasferisce a Riva del Garda in serie A Dilettanti
raccogliendo un buon minutaggio e in quella successiva passa
all’ambiziosa Poderosa Montegranaro in DNB. Nel 2014/15 si trasferisce
ai Crabs Rimini sempre in DNB, risultando uno degli artefici della
salvezza. Nella stagione successiva ha giocato con Livorno chiudendo la
stagione regolare con 13 punti di media, mentre nei play out ne ha
segnati 14. Le sue ottime prestazioni non hanno evitato la retrocessione
dei toscani. Dal 2016 al 2018 ha vestito la maglia della Rekico Faenza,
in serie B (tra le prossime avversarie della Bakery), giocando a numeri
molto alti. Dopo l’esperienza in sere B a San Vendemiano, quest’estate
si è accasato ad Orzinuovi, fresco di serie A2. Da poco ha rescisso il
contratto per accasarsi tra i colori biancorossi.
Già da domenica contro Cesena sarà disponibile per gli schemi di coach
Campanella, pronto a dar battaglia insieme ai nuovi compagni.
Benvenuto Marco.

Fonte: Ufficio Stampa Pallacanestro Piacentina.

Commenta