Imola Basket al Museo Multimediale Autodromo di Imola Checco Costa

Imola Basket al Museo Multimediale Autodromo di Imola Checco Costa

Imola sarà alla mostra “Ayrton magico. L’anima oltre i limiti”

Le Naturelle Imola Basket comunica con estremo piacere che venerdì 20
settembre 2019, alle ore 15.30, prima squadra, staff e dirigenza
parteciperanno ad una speciale visita al Museo Multimediale Autodromo di
Imola Checco Costa, alla mostra “Ayrton magico. L’anima oltre i limiti”,
dedicata al pilota brasiliano, Ayrton Senna. Grazie alla collaborazione
tra Andrea Costa e Gruppo Hera (tra i partner della mostra), per Fultz e
compagni sarà l’occasione di onorare la memoria dell’eterno Ayrton,
grazie alla splendida iniziativa curata da Matteo Brusa, che ha ricevuto
addirittura il patrocinio dell’Istituto Ayrton Senna.

Per i Biancorossi si tratta di un vero e proprio onore: sarà una grande
emozione per i vari Bowers, Morse e compagni toccare con mano la
grandezza di un campione come Senna, scomparso tragicamente il 1 maggio
1994 proprio a Imola in uno dei più drammatici incidenti della storia
della Formula 1.

La mostra celebra le tappe della carriera e della vita del campione tra
immagini, audio e filmati dell’archivio storico Rai e la narrazione
fonda la straordinaria carriera sportiva con la personalità del
brasiliano, intrecciandola al circuito imolese: in particolare il
racconto si snoda in cinque nuclei tematici («gli inizi», «il poleman»,
«il mago della pioggia», «la tenacia…fino all’ultimo» e «una rivalità
indimenticabile», quella con Prost) sviluppati in quattro ambienti
espositivi e non mancano certo memorabilia come il kart numero 17
guidato da Senna nel campionato del mondo 1978 e la sua ultima monoposto
di Formula Uno, la Williams-Renault.

Le Naturelle ringrazia Gruppo Hera e Maicc per la collaborazione e la
disponibilità per la visita dei Biancorossi alla mostra: il 20 settembre
2019 l’Andrea Costa onorerà la memoria e la storia di uno dei più grandi
piloti di sempre, e proverà a portarlo con sé a canestro.

Fonte: Ufficio Stampa Andrea Costa.

Commenta