Il tifoso Jazz espulso a vita dal palazzo per razzismo fa causa ai Jazz e Westbrook: vuole $100M

Il tifoso Jazz espulso a vita dal palazzo per razzismo fa causa ai Jazz e Westbrook: vuole $100M

Keisel è stato espulso dal palazzo ma ora fa causa alla franchigia ed a Westbrook perché si ritiene innocente

Il tifoso degli Utah Jazz bannato a vita dalla Vivint Smart Home Arena per alcune offese razziste nei confronti di Russell Westbrook, ha fatto causa alla franchigia ed al giocatore ora agli Houston Rockets chiedendo un risarcimento record di 100 milioni di dollari.

Shane Keisel, nella denuncia, dice che le parole che lui e la fidanzata, Jennifer Huff, hanno usato sono le stesse che anche le altre persone presenti nel palazzo stavano dicendo. E che non c’era alcuna offesa razzista o denigratoria nei confronti di Russell Westbrook.

La richiesta di risarcimento è di 100 milioni di dollari per diffamazione e sofferenza emotiva.

Il video di Westbrook in cui dice, a fine incontro, “I will fuck you up” a Keisel ed alla moglie divenne virale in pochi minuti.

Westbrook si difese dicendo che Keisel gli aveva detto di inginocchiarsi come era solito fare (“Get on your knees like you’re used to”), un commento assolutamente privo di rispetto e razzista, secondo l’ex giocatore dei Thunder.

Keisel nella denuncia dice di aver detto a Wesbtook “metti il ghiaccio sulle ginocchia (“ice those knees up”) e che quindi accuse nei suoi confronti sono state inventate.

Keisel ha detto di aver perso il lavoro da allora.

I Jazz deciso di espellere a vita Keisel dal palazzo mentre la NBA multò Russell Westbrook per 25.000 dollari.

Fonte: Salt Lake Tribune.

Commenta