“Il Basket Italiano è in salute”. Le cit. più belle del 2019

“Il Basket Italiano è in salute”. Le cit. più belle del 2019

Salutiamo il 2019 con un articolo semiserio e un'unica volontà: riderci sopra

«Il Basket italiano è in salute», una delle cit. più utilizzate in questi anni. Salutiamo il 2019 con un articolo semiserio e un’unica volontà: riderci sopra.

 

Livio Proli, 14 marzo

«Rimango all’Olimpia Milano»

Livio Proli, 3 giugno

«Pianigiani è sotto contratto, andrà avanti anche la prossima stagione. Per me è finito un ciclo, nello sport è così»

 

Mauro Ferrari, ad di Germani sponsor Leonessa Brescia, 7 settembre

Sul Mondiale: «Sono arrabbiatissimo e molto deluso per come è stato gestito Luca (Vitali, ndr), non è possibile che un giocatore del suo talento e del suo calibro venga umiliato in quel modo. A questo punto mi sento di dire che è giusto che l’Italia se ne sia tornata a casa»

 

Stefano Sardara, 19 settembre

«Non c’è nessuna spaccatura. Bianchi è il nostro presidente, con lui c’è dialogo e va supportato, ogni tanto girano voci poco aderenti alla realtà, ma la verità è che sin qui ha fatto un ottimo lavoro»

Stefano Sardara, 20 dicembre

«La struttura di Lega è assolutamente inadeguata, non siamo chiaramente percepiti e riconoscibili. Negli ultimi anni ho visto più passi indietro che passi avanti ma la speranza è l’ultima a morire».

 

Graziella Bragaglio, 8 novembre

«Fatti come quello di Bologna macchiano indelebilmente lo spirito della sana competizione»

Pietro Basciano, presidente LNP, 15 novembre

«Se l’hanno insultata dovrebbe farsi una domanda e darsi una risposta»

 

Egidio Bianchi, 28 novembre

«Evidentemente il malumore contro la mia gestione non era così diffuso come si è cercato di fare credere.  Apprezzo la coerenza di molti club nel proseguire su un lavoro avviato nel tempo»

Consiglio Federale, 6 dicembre

«Il Consiglio Federale ha evidenziato un serio problema di governabilità della Lega che ha anche portato le Società a chiedere al presidente Bianchi di allontanarsi dalla sala durante i lavori assembleari»

 

Antonio Forni, ex presidente Auxilium Torino, 26 aprile 2019

«Ho lasciato TORINO in serie A e senza punti di penalità. Ora non mi resta che rivolgere un sincero ringraziamento ed un grande “in bocca al lupo” a coloro che assicureranno la sopravvivenza della pallacanestro torinese ad alti livelli»

Massimo Feira, Auxilium Torino, 25 aprile

«Un tiro da centrocampo sulla sirena. Il bonifico di Gerasimenko è arrivato alle 17.31, e alle 18 c’era l’assemblea dei soci. Non amo esprimermi per comunicati, sono un sostenitore dei controlli, dunque li considero entrambi un po’ fuori luogo (i comunicati di FIP e Lega)».

Giovanni Paolo Terzolo, 3 maggio

«Confermo che Feira abbia riferito a Lega e Fip che il primo bonifico (di Gerasimenko, ndr) era partito alle ore 17.31 di quel 23 aprile sulla base di una contabile emessa da una società di Gerasimenko, ma poi quei soldi non sono mai arrivati»

 

Gianandrea De Cesare, patron Scandone Avellino, 10 aprile

«È vero che stavolta l’esposizione è più alta del solito, anzi direi qualcosa più del fisiologico, ma non c’è nulla di drammatico, il debito del club non è fuori controllo, è regolarmente inquadrato e rateizzato. Vorrei inoltre ricordare che la vera crisi l’abbiamo avuta e superata prima di Natale»

 

Gianni Petrucci, 30 agosto

«Da presidente voglio vincere, sono ambizioso ma credo sia la normalità per il ruolo che ricopro. Voglio la finale»

 

Romeo Sacchetti, 8 settembre

«Ammetto che non mi aspettavo un livello fisico così alto, che la stazza e la forza fisica fossero così determinanti a questo mondiale come lo sono effettivamente state»

 

Aldo Vanoli su Matt Tiby, 25 agosto

«Sa usare la sua fisicità per difendere e farsi sentire. È un bel boscaiolo. Ci vuole un giocatore così»

 

Stefano Cioppi, ds VL Pesaro, 25 giugno

«Sono molto felice di iniziare questa avventura di due anni con Federico Perego e che mi auguro vada anche oltre»

Commenta