Il Banco si impone al PalaSerradimigni e allunga la serie, a Venezia non riesce la rimonta

Il Banco si impone al PalaSerradimigni e allunga la serie, a Venezia non riesce la rimonta

95-88 il finale per la Dinamo che porta la serie sul 2-2

Alle 20.45 Banco di Sardegna Sassari e Umana Reyer Venezia scenderanno in campo in Gara 4 di LBA Finals .
Venezia è avanti 2-1 nella serie.

Quintetti

Dinamo Sassari. Smith, McGee, Pierre, Thomas e Cooley.

Umana Venezia. Haynes,Stone, Bramos, Mazzola e Watt.

I QUARTO. Dinamo Sassari 23 – Umana Venezia 16

I padroni di casa aprono le danze con Pierre, l’ex Haynes pareggia dalla lunetta: la Dinamo mette la testa avanti con McGee che monetizza il secondo fallo di Mazzola. Stone risponde dalla media mentre Cooley infila il tap-in in correzione al tiro di Thomas. Pierre punisce dalla lunga distanza ed è +5 isolano. Watt si iscrive a referto. McGee non sbaglia a cronometro fermo e coach De Raffaele chiama minuto (11-6). Cooley domina nel pitturato e scrive il +9. Tonut accorcia autografando un minibreak di 5 punti,  Smith ricaccia indietro i lagunari dall’arco. La Reyer si affida ai suoi italiani e trova la bomba con De Nicolao, canestro and one di Cooley a quota 9 punti e 5 rimbalzi. Sassari spreca l’ultimo possesso con il fallo in attacco di Gentile, Stone non concretizza e il primo quarto si chiude 23-16.

II QUARTO. Dinamo Sassari 51 – Umana Venezia 41

Spissu apre la seconda frazione, risponde Giuri: schiacciata di Daniele Magro, la reazione di Vidmar è il gancio destro che fa saltare in piedi la panchina orogranata. Carter si iscrive a referto, il canestro di Spissu dice +11 biancoblu: timeout Reyer (31-20). Stone sblocca i suoi a cronometro fermo. Ma il protagonista è Justin Carter che infila due liberi, poi ruba una palla preziosissima e chiude il contropiede con la schiacciata del +13. Haynes suona la carica ai suoi dai 6,75, Spissu risponde con la stessa moneta. Thomas conduce i suoi, ma Watt e Bramos riducono il gap. Rotazioni per coach Pozzecco che, dopo lunghi minuti con il quintetto italiano insieme a Carter, rimette i cinque titolari. Haynes trascina gli ospiti con un parziale di 8-3. Smith in lunetta riporta il vantaggio sardo in doppia cifra, ma Venezia è in fiducia e bombarda dalla lunga distanza con Bramos. Sassari ritrova la via del canestro con Pierre: alla seconda sirena il tabellone dice 51-41.

III QUARTO. Dinamo Sassari 81- Umana Venezia 65

Marquez Haynes trascina Venezia in avvio di secondo tempo siglando un break di 5-0.Thomas sblocca i suoi dalla lunga distanza insieme a Cooley nel pitturato. Gli orogranata però sono in gas e trovano un altro parziale di 5 punti con Watt e la tripla di Daye che riporta la Reyer a -5. Sassari incespica in attacco e perde palla con il fallo in attacco di McGee. La terza infrazione sanzionata a Cooley e il tecnico alla panchina sono una ghiotta occasione per agganciare i sardi: Daye e Vidmar riportano i lagunari a un possesso di distanza. Smith monetizza il fallo di Cerella e dà ossigeno ai padroni di casa, Venezia però è in fiducia e punisce dall’arco con il giocatore argentino ed è ancora -2. La coppia Pierre-Thomas conduce Sassari con un parziale di 10-0 cui si unisce Cooley. Stone accorcia dai 6,75. La Dinamo scava un break di 12-2: apre le danze Cooley, lo segue un Thomas incontenibile con il 2+1 e due canestri di ottima fattura, a chiudere la tripla di Smith. I lunghi veneziani si caricano di falli, quarta infrazione di Watt e Daye. Vidmar sblocca gli ospiti ma il canestro di Polonara chiude la terza frazione 81-65.

IV QUARTO. Dinamo Sassari 95 – Umana Venezia 88

De Nicolao ruba palla e appoggia al vetro lanciando un messaggio chiaro: Venezia c’è e non intende mollare di un centimetro. Haynes non sfrutta il tecnico sanzionato agli isolani, ma Watt si porta in doppia cifra. Il quinto fallo del giocatore numero 50 chiude la sua partita, Carter interrompe il digiuno del Banco dalla lunetta, anche Vidmar fa 1 su 2 a cronometro fermo. La tensione si alza sul parquet e nel momento di difficoltà sono i lagunari a trovare la tripla del -10 con 5:33 sul cronometro. Anche Bramos punisce dalla lunga distanza e incrementa a 7 lunghezze il break degli ospiti. Cooley sblocca i padroni di casa dalla linea di carità, Daye continua la sua cavalcata e allunga a 9-1 il parziale orogranata. Due perse sanguinose della Dinamo convincono coach Pozzecco a chiamare minuto. I padroni di casa però incespicano ancora in attacco, De Nicolao ringrazia dalla lunetta. McGee con la tripla dà respiro ai suoi ma Daye risponde con la stessa moneta. Haynes infila il canestro del -3, ancora persa di Sassari. Quinto fallo di Vidmar e giro in lunetta per McGee che non trema (91-86). E’ ancora Haynes a spuntarla e sancire il -3. Sassari però sfrutta i falli degli ospiti con Carter  prima e McGee poi: con 21” da giocare è +6 isolano. La Reyer non trova il canestro, e Gara 4 si chiude 95-88. La Dinamo pareggia la serie e la allunga a Gara6.

Commenta