Hogue e Marble dominano e Trento prende i due punti a Reggio

Hogue e Marble dominano e Trento prende i due punti a Reggio

Sono 55 i punti dei due giocatori trentini che pesano come un macigno sul 80-84 fra Reggio e Trento

Trento esce dal Palabigi con i due punti, al termine di una gara sempre al comando, vinta 80-84 grazie a Marble e Hogue, giocatori che la Grissin Bon non riesce in alcun modo ad arginare. Reggio gioca una partita sempre di rincorsa e, anche se è stata sempre in partita, il suo livello di aggressività ed energia non è stato mai adeguato all’aversario.

[pb-game id=”399185″]

Pillastrini deve fare a meno di Candi (mano), mentre i due stranieri fuori sono Richard e Poirier, mentre Trento è al completo. Nel primo tempo la partita parte lenta, ma dopo il primi minuti in cui le squadre pensano più a sbagliare, Trento si toglie di dosso la polvere e, con Hogue in particolare, inizia a scavare il primo solco che costringe Pillastrini al timeout sul 2-9. Reggio quando smette di perdere un pallone dietro l’altro (Dixon 3 in fila), trova il modo di riagganciare la Dolomiti Energia sul 13 pari, grazie a un paio di triple di Aguilar, ma è un fuoco di paglia, perché Trento torna subito avanti e continua a comandare il match. L’uomo più temuto da Reggio è sicuramente Dustin Hogue e infatti lui fa di tutto per fare paura alla difesa reggiana, mettendo 13 punti nel solo primo tempo. Hogue che rappresenta plasticamente il motivo per cui Trento è avanti, ovvero un livello di energia più alto della Grissin Bon. Gli ospiti arrivano fino al +11, ma il primo tempo si chiude sul +9 sul 35-44 per gli ospiti, che oltre ad Hogue hanno anche 7 da Forray. Per Reggio 8 di Aguilar e Johnson Odom e 6 da Cervi.
Nel secondo tempo Reggio riparte provando a fare le cose bene, cioè cercando di andare in post basso in maniera ordinata, ma dopo i primi minuti torna forzare palle sotto che fruttano inevitabilmente altre perse e il margine di vantaggio di Trento rimane sempre intorno ai 9 punti. Nel finale di terzo quarto, grazie a tre buone difese reggiane in fila, la Grissin Bon trova il modo di tornare sul -4, sul 59–63 di fine quarto.
Trento però sembra solo aspettare il momento per alzare ulteriormente l’energia e dopo aver perso un po’ di inerzia, due giochi da tre punti di atletismo di Hogue e Flaccadori, riportano ancora una volta Trento sul fatidico +9, visto diverse volte questa sera. Reggiani che vanno fino alle 13 lunghezze di svantaggio ma che a metà dell’ultimo quarto riescono ad arrivare fino al -6, ma senza mai davvero impensierire la squadra di Buscaglia. Solo la tripla di Aguilar sulla sirena riesce ad infrangere la barriera dei 6 punti per l’80-84 finale.

Commenta