Green e Cole fanno volare Avellino: Cantù si arrende 98-81

32 punti dell'ex Sassari guidano la Sidigas al successo

Inizia col piede giusto la stagione della Sidigas Avellino che batte Cantù 98-81. Al PalaCarrara di Pistoia, scelto come sede del match vista la squalifica del PalaDelMauro, i biancoverdi hanno sofferto per un quarto la vivacità dei brianzoli, guidati da Gaines (17 punti) e Udanoh (19 punti) ma piuttosto distratti in difesa. Mvp del match uno strepitoso Caleb Green da 32 punti e 15 rimbalzi, ben coadiuvato da Norris Cole, autore di 21 punti e 13 assist al suo esordio in Italia.

Cronaca. Il primo canestro della Serie A lo firma Tony Mitchell da oltre l’arco che guida una buona Cantù al 5-9 dopo 3′ grazie ad un piazzato di Tavernari. Avellino fatica a carburare, ma ci pensa Caleb Green prima a riportare sotto e poi a operare il sorpasso irpino (24-18) con 17 punti nei primi 7’30” del match. La Red October fatica a trovare la via del canestro e subisce i colpi di una Sidigas on fire che chiude i primi 10′ sul 32-20. Nel momento di massima difficoltà, Gaines prova a caricarsi sulle spalle la Red October che rialza la testa e torna sul -7 con un canestro di un positivo Tony Mitchell (39-32 al 15′). Cantù rimane a contatto con Udanoh e Blakes, ma soffre le accelerazioni di Cole e Green che negli ultimi due minuti del primo tempo ricacciano indietro i brianzoli fino al 58-46 dopo 20′.

 

Cantù prova ad affidarsi a Gaines in apertura di terzo quarto, ma Avellino con Cole e Costello respinge i tentativi di rientro della Red October. Filloy da oltre l’arco firma il 74-60 al 17′, mentre l’attacco lombardo va sbattere su uno Ndiaye scatenato su entrambi i lati del campo. La Sidigas accelera nuovamente e soltanto un due più uno di Udanoh consente a Cantù di limitare i danni, con gli ultimi dieci minuti che iniziano sull’80-65 Avellino. Un parziale di 4-0 firmato da Udanoh e Gaines costringe Vucinic al time-out; al rientro sul parquet si riaccende Green che riporta a +16 la Sidigas, nonostante Gaines e Blakes provino a tenere in partita la Red October. Il match in pratica finisce sul nuovo +17 (96-79) Avellino, con 3′ ancora sul cronometro che però non cambiano le carte in tavola.

 

[pb-game id=”398996″]

[spbk-gallery post_id=”6560″]

Commenta