Giuseppe Lombardo resta al Green

Giuseppe Lombardo resta al Green

Il primo tassello del mercato è la riconferma del capitano: “Progetto serio ed interessante, non vedo l'ora di ripartire"

Più che un leader, un’icona: giunge alla settima stagione il matrimonio tra il Green e Giuseppe Lombardo. Il capitano, classe ’83, è il primo tassello del roster biancoverde per la stagione 2019-20.

L’arrivo a Palermo nel gennaio del 2014, in uscita da Cosenza, poi un sodalizio divenuto di fatto il più longevo della storia del Green: uomo dai due mondi Giuseppe Lombardo, traghettatore dei biancoverdi dalla C Silver regionale alla Serie B, con 153 presenze e quasi 2000 punti all’attivo in maglia Green. Un’ultima stagione, la seconda consecutiva nella terza categoria nazionale, fatta di alti e bassi. Prima i guai fisici dovuti ad un’aritmia cardiaca (debellata poi con un intervento di ablazione) che l’ha tenuto fuori dai campi per tre mesi, poi il rientro in grande stile: 10 punti di media, con il 44% dall’arco, le credenziali di una stagione affrontata con resilienza, autentico marchio di fabbrica per Giuseppe Lombardo.

Leader e punto di riferimento per società e spogliatoio, Lombardo sarà dunque la prima pedina a disposizione del neo arrivato coach Bassi: «Ripartiamo dopo una stagione bruttissima. Ci siamo lasciati con l’amaro in bocca – ha detto il capitano – ma faremo di tutto per riscattarci. Mi dispiace che mio fratello Andrea non farà più parte della squadra per la prossima stagione – commenta Lombardo – ma al di là del rammarico personale penso che le premesse per far bene ci siano tutte». Una mission precisa all’interno delle gerarchie societarie per il capitano, chiamato ad esercitare il suo status da veterano: «In una fase delicata di ristrutturazione quel che mi è stato chiesto dal coach Bassi e dal nuovo GM Lima è di essere una figura di raccordo tra campo e panchina. Dare il buon esempio, essere un allenatore in campo e fare da chioccia per i tanti ragazzi nuovi che arriveranno nelle prossime settimane. Il progetto mi sembra interessante– prosegue Lombardo – e credo di poter dare un prezioso contributo in termini di leadership e carisma all’interno dello spogliatoio. L’obiettivo resta quello della salvezza – conclude – sarà fondamentale trovare fin da subito la chimica giusta per toglierci grandi soddisfazioni».

Commenta