NanoPress

Giocatori della ON Sharing Mens Sana testimonial della campagna di vaccinazione antinfluenzale

Giocatori della ON Sharing Mens Sana testimonial della campagna di vaccinazione antinfluenzale

La ON Sharing Siena scende in campo anche per la vaccinazione antinfluenzale e ha deciso di dare il buon esempio partecipando attivamente alla campagna lanciata dalla Asl Toscana sud est

La ON Sharing Siena scende in campo anche per la vaccinazione antinfluenzale e ha deciso di dare il buon esempio partecipando attivamente alla campagna lanciata dalla Asl Toscana sud est.

Stamani infatti ad alcuni giocatori biancoverdi, oltre a coach Paolo Moretti, è stato somministrato il vaccino antinfluenzale presso il Dipartimento prevenzione della Asl sud est a Ruffolo.

Ad accogliere la delegazione mensanina e a somministrare la dose di vaccino antinfluenzale sono state la dottoressa Alessandra Bagnoli, direttore della Rete Vaccinale della Sud Est, e la dottoressa Astrid Mercone.

La Asl Toscana sud est, che ha coinvolto il mondo dello sport senese nella campagna di vaccinazione antinfluenzale, sottolinea che il picco massimo di influenza è previsto all’inizio di gennaio, e dunque è consigliato immunizzarsi tra novembre e dicembre.

Vaccinarsi è un segnale di tutela della propria salute, ma anche di rispetto nei confronti di chi è vicino, dato che può essere contagiato a sua volta. L’influenza, inoltre, può avere esiti potenzialmente funesti, come nel caso delle persone “fragili”, anziani o con patologie croniche.

La Asl Toscana sud est ricorda inoltre che la vaccinazione è raccomandata e viene offerta gratuitamente alle persone di età pari o superiore ai 65 anni e a persone affette da patologie che possono aumentare il pericolo di complicanze da influenza (donne in gravidanza, diabete, malattie immunitarie, cardiovascolari, respiratorie croniche, metaboliche, oncologiche).

La vaccinazione è gratuita anche per gli addetti al pubblico servizio, bambini in età pediatrica con patologie a rischio, personale che per motivi di lavoro è a contatto con animali fonte d’infezione virale, familiari a contatto di soggetti ad alto rischio e da quest’anno i donatori di sangue.

Fonte: Ufficio Stampa Mens Sana 1871.

Commenta