Fiat Torino a testa altissima, VL Pesaro battuta 93-71

Fiat Torino a testa altissima,  VL Pesaro battuta 93-71

93-71 il finale per la Fiat Torino

L’ultima giornata di regular season della Serie A vede la Fiat Torino vincere al PalaVela superando Pesaro. La squadra di coach Galbiati mette alle spalle i problemi e quanto potrà ancora accadere alla società e con dedizione e grande professionalità vince per 93-71 nonostante la retrocessione aritmetica giunta solamente “a tavolino”.
Primo quarto divertente ed equilibrato, in un PalaVela affollato, la Fiat Torino gioca senza risparmiarsi al cospetto della già salva Pesaro. Per i gialloblu sono Hobson e Jaiteh a mettersi in mostra ed all’8’ Torino conduce 21-13, Pesaro, invece, trova realizzazioni da quasi tutto il quintetto. Il primo quarto vede i piemontesi chiudere in vantaggio per 26-17.

Sulla falsa riga della primo quarto si gioca anche il secondo. Anumba pressa a tutto campo e recupera due palloni pesanti che mantengono l’Auxilium in vantaggio a ridosso della doppia cifra. Sul +13 (46-33) che vede protagonisti Poeta, Moore e Jaiteh, al 14’ coach Boniciolli chiede sospensione dalla panchina pesarese, poiché quanto fatto da Zanotti non è sufficiente. Poeta dalla lunetta, sul finale di frazione, realizza il +17 sabaudo 52-35 sul quale le due squadre imboccano la via degli spogliatoi.
La Fiat Torino tenta di mantenere inalterato, o quasi, il vantaggio acquisito. Pesaro prova ad insediare la difesa torinese con Blackmon, ma gli uomini di Galbiati trovano un allungo che porta nuovamente i biancorossi a chiedere timeout sul 69-50 del 28’. Al 30’ Torino conduce 76-54.
La Fiat non decelera, gioca al massimo tutti i secondi di questa gara, per Pesaro c’è poco da fare ormai. Gli applausi scroscianti del pubblico che affolla il PalaVela salutano con la giusta riconoscenza una squadra che ha sempre onorato i propri impegni. L’ultima gara stagionale (e forse anche di questo titolo sportivo) vede Torino vincere per 93-71.
Termina così una stagione travagliata sin dall’inizio per Torino, con gli errori (sul campo) inaspettati di un membro della Hall of Fame NBA come coach Larry Brown ed errori gestionali negli uffici dirigenziali. La Fiat Auxilium Torino retrocede in A2 però non sul campo, ma d’ufficio, una fine che una piazza del genere non merita di certo. I tifosi confidano in una rinascita, anche se dietro l’angolo sembra sempre più materializzarsi il fallimento.

[pb-game id=”399231″]

Fiat Auxilium Torino – VL Pesaro 93-71 (26-17, 52-35, 76-54)
Fiat Auxilium Torino: Wilson 12, Anumba 5, Hobson 18, Guaiana 4, Poeta 9, Cusin 2, McAdoo, Jaiteh 19, Stodo, Portannese 10, Moore 14, Cotton. All.: Galbiati
VL Pesaro: Blackmon 15, Artis 3, Conti 4, Lyons 4, Tognacci 3, Ancelotti 5, Morgillo 4, Monaldi 11, Shashkov 2, Zanotti 9, Wells 4, Mockevicius 7. All.: Boniciolli

Commenta