All’AX Armani Exchange Milano non basta un arrembante finale in quel di Mosca

Courtesy of Getty Images
Courtesy of Getty Images

Cska rimontato dal +19 in meno di 4', ma la squadra di Itoudis torna capolista. Dominio russo a rimbalzo, non punge Mike James

Non basta un sorprendente finale in quel di Mosca all’AX Armani Exchange Milano. Vince il Cska, per l’ottava volta in fila, gestendo Nando De Colo, dominando sotto il ferro con un parziale di 30-18 a rimbalzo, ma tremando eccessivamente nel finale.

La «small ball» di Simone Pianigiani, peraltro poco perseguita alla Megasport Arena, palesa le sua manchevolezze a questi livelli di EuroLeague: l’assenza di Arturas Gudaitis nel pitturato si sente eccome, così come l’energia di una squadra che tuttavia, sul -19 a 7’ dalla sirena, rientra sino al -7 in 4’ di gioco. Serata difficile, l’unica, per Mike James: 13 punti. 101-95 il finale.

Si allunga a sette la striscia di vittorie in EuroLeague del Cska, che aggancia il Fenerbahce in vetta. Si ferma a cinque quella di Milano, ma non è questa la sconfitta che fa male alla classifica. Prossima prova al Medionalum Forum, contro l’Olympiacos: per i playoff, non si può fallire.

[pb-game id=”404984″]

4° QUARTO

Avvio da incubo per gli uomini di Simone Pianigiani: Kuzminskas traballa, Othello Hunter domina, il centro tocca 19 punti e il risultato dice 86-67 con 7 da giocare. 29-16 a rimbalzo, 21-15 negli assist. La gare pare chiusa in poco più di 30’. A 5.03 il dato a rimbalzo dice 31-18, il Cska ne ha più offensivi, 16, che difensivi, 15. Eppure, toccato il -19, l’Olimpia si riporta sotto di 7 nel giro di 4’, con le triple di Nemanja Nedovic, tanta difesa e tanta corsa. Il 2/6 dalla lunetta di Vlado Micov è la condanna.

3° QUARTO

Simone Pianigiani si ripresenta in campo con Christian Burns, che sporca un paio di rimbalzi offensivi e prova ad alzare la fisicità. Ma sono solo piccoli tentativi senza continuità, perchè Vlado Micov firma subito un 4-1 di parziale, ma con Nikita Kurbanov la differenza arriva a 26-16 a rimbalzo a fine terzo quarto, con 13 offensivi, e due tap in del lungo russo su errore dei compagni. 76-66 a fine terzo quarto,13 di Nunnally e 11 di Micov, 8 nel quarto.

2° QUARTO

Il Cska alza l’andamento con i vari Chacho, Clyburn e Higgins, ma è soprattutto Bolomboy a lasciare il segno con 9 punti in neanche 5’ in campo. Cska che è 5/5 da 3, quindi 7/8 quando tocca il 47-36 di massimo vantaggio a 2.40 con una tripla di Cory Higgins. E Milano? 7 punti in 5’ senza Mike James, terzo fallo speso presto da un Kaleb Tarczewski in difficoltà, Alen Omic non pare accendersi, e allora Simone Pianigiani deve puntare per Christian Burns per reggere, con un Mindaugas Kuzminskas più che positivo in attacco con 7 punti. 51-43 a fine primo tempo. 12 di De Colo, 10 di Hunter e 10 di Higgins, con 17-10 a rimbalzo. Per Milano sono 11 di James Nunnally

1° QUARTO

7’ di gioco in mano alle difese, con il Cska a trovare seconde opportunità solo grazie all’8-2 a rimbalzo con 4 offensivi di cui 3 di Othello Hunter. Jeff Brooks segna 7 dei primi 9 punti di Milano, Cska che piazza un parziale di 6-0 con le triple di Hackett e De Colo a dare il là a 3’ di un ritmo diverso. Olimpia che risponde con un 6-0 aperto da Nunnally e chiuso dalla spettacolare giocata 3+1 di Mike James. A 54’’ antisportivo a Kaleb Tarczewski che regala di fatto 6 punti al Cska: massimo vantaggio 25-21. 12 di De Colo, 10 di Othello Hunter con 5 rimbalzi, 7 di James Nunnally e Jeff Brooks: 27-24 a fine primo quarto.

Commenta