EuroLeague, il punto di Sportando | Power Rankings update dopo il mese di ottobre

EuroLeague, il punto di Sportando | Power Rankings update dopo il mese di ottobre

Il Punto di Sportando su EuroLeague, questa volta con il Power Rankings di Sportando Update

Il Punto di Sportando su EuroLeague, questa volta con il Power Rankings di Sportando Update. Partendo dalla graduatoria estiva, arriviamo alle prime indicazioni del mese di ottobre. Tra parentesi il piazzamento nel primo Rakings prestagionale.

18 (16) – Alba Berlino (record 1-5)

Voglia di lottare in quantità, ma cinque sconfitte in fila dopo il successo sullo Zenit all’esordio.

17 (15) – Valencia (1-5)

Cinque sconfitte in fila, in un calendario tutt’altro che semplice. Quindi, contro l’Asvel, un successo nel primo match alla portata.

16 (17) – Crvena Zvezda (2-4)

Il Real Madrid, poi sarà tempo di scontri più alla portata. Due vittorie con Fenerbahce e Khimki non sono male, pur nella grana Milan Tomic.

15 (18) – Asvel (3-3)

Reale sorpresa del mese di ottobre. Gli scalpi di Olympiacos, Panathinaikos e Baskonia sono colpi di scena.

14 (14) – Zenit (2-4)

Due belle vittorie con Zalgiris e Olympiacos e due rese onorevoli con Khimki e Fenerbahce. Pesa il ko con l’Asvel.

13 (11) – Olympiacos (2-4)

Manca la qualità e le dimissioni di David Blatt hanno portato via anche la serenità. Laboratorio di mercato.

12 (13) – Zalgiris (3-3)

Ancora una volta Sarunas Jasikevicius produce il meglio contro le “grandi”. Occhio alla crescita di Zach Leday.

11 (12) – FC Bayern (3-3)

Calendario favorevole nei turni casalinghi, identità di squadra irrobustita dal successo sul Real Madrid.

10 (7) – Panathinaikos (3-3)

I ko con Asvel e Olimpia raccontano di una squadra con pecche sui 40’. Con il Khimki, a Mosca, una bocciatura netta. Risveglio con l’Efes, ma pare mancare qualcosa per i playoff.

9 (10) – Maccabi Tel Aviv (4-2)

Il progetto Sfairopoulos cresce, Wilbekin e Casspi coppia di primissimo piano nella competizione.

8 (9) – AX Armani Exchange Milano (5-1)

Cinque vittorie in fila contro avversari di diverso blasone. La difesa come punto di riferimento, e potenziale indice di continuità.

7 (8) – Kirolbet Baskonia (3-3)

A differenze del cammino in ACB, si avanza senza patemi in EuroLeague. Difesa e rimbalzi il punto di partenza per Perasovic.

6 (2) – Fenerbahce (1-5)

Momento difficilissimo, ribadito anche in campionato. Il recupero alla piena condizione di Jan Vesely e Joffrey Lauvergne basterà?

5 (6) – Khimki (4-2)

Senza Jovic, e un contributo apprezzabile di Karasev, i russi hanno già iniziato a correre.

4 (5) – Cska (5-1)

Nessuna rivoluzione modifica il cammino di Dimitris Itoudis. Da De Colo e Rodriguez a Mike James senza cedimento alcuno.

3 (3) – Anadolu Efes (4-2)

I turchi si confermano al top della competizione con la coppia Larkin-Micic. Rispetto ad un anno fa, il contributo del play USA è importante sin dal via della stagione.

2 (4) – Fc Barcelona (5-1)

La corazzata funziona, partendo in primo luogo dalla difesa. Il tutto senza un playmaker di affidamento visti i problemi fisici di Heurtel, Pangos e Delaney.

1 (1) – Real Madrid (3-3)

Avvio problematico di stagione in EL, perfetto in ACB. I madrileni restano davanti, ma senza continuità gli avversari bussano alla porta.

Commenta