Derrick Rose: tutto accade per una ragione

Molti erano scettici, ma questa sera ho giocato nel modo in cui so fare

“In quel momento il mio cuore si è letteralmente fermato. Nel mio mestiere ho lavorato duramente. E’molto importante essere in ritmo: un paio di giorni fa mi sono detto di provare a realizzare quello che voglio e quindi di prendere i miei tiri. Ormai ho capito ciò che mi piace fare durante la partita e le cose che posso fare. Sono arrivato con molta fiducia grazie a coach Thibodeau e allo staff, quindi si tratta soltanto di pallacanestro e di essere felice di avere avuto questa opportunità insieme a lui”
Riguardo alle sensazioni con il suo corpo, soprattutto prima del quarto quarto: “Ho fatto stretching e mi sono idrato molto. Molta gente era scettica riguardo alla fiducia che riponessi in me stesso e all’opportunità di giocare qui, e questa sera ho avuto l’occasione di esserci e di giocare nel modo in cui so fare”. In merito al post-rilascio da parte degli Utah Jazz: “Ogni cosa accade per una ragione, sono arrivato qui e ho lavorato ogni giorno. Gli ultimi due anni li ho utilizzati per cercare bene la giusta opportunità che mi desse la possibilità di giocare nel modo in cui normalmente amo fare, e che quindi rendesse libero e semplice il mio gioco”.
Sulla partita: “Mi piace tenere la palla in mano e nel corso di tutta questa partita i miei compagni correvano con me. In campo ho parlato per l’intera partita, più di quanto avessi mai fatto in una singola partita della mia carriera, in attacco e in difesa. E’stato naturale soprattutto per il tipo di veterani che ci sono in questo team. In realtà nella mia carriera ho avuto molti veterani che amavano dare l’esempio, ma qui a Minneapolis sono molto importanti perchè siamo una squadra giovane. Oggi mi sono sentito davvero bene, specialmente dopo le lacrime. Il coach mi ha sempre fatto i complimenti, sin dall’infortunio che mi ha costretto a portare la maschera, così ho pensato di aver vinto l’MVP e quindi senza mancare di rispetto gli ho mostrato quanto abbia stima per lui. Ho voluto dimostrare molto anche a mia madre, in particolare quanto le voglia bene per avermi insegnato tutto. Questa sera ho fatto di tutto per impressionarli. Nei giorni liberi continuerò a tirare e ancora a tirare, lavorando sempre più duro per potere continuare a fare al meglio il mio lavoro, e penso che finalmente sarò ripagato”.

Commenta