David Vojvoda è l’uomo in più di una buona Reggio Emilia, sconfitta Cantù a domicilio 75-92

David Vojvoda è l’uomo in più di una buona Reggio Emilia, sconfitta Cantù a domicilio 75-92

Cantù non convince nella prima uscita casalinga, Hayes (16+6) unica nota positiva. Per Reggio ottima prova corale con Vojvoda a fare da mattatore ed un superlativo Mekel (11+10 assist)

DESIO- Una Reggio Emilia alla ricerca della prima vittoria è ospite di un’imbattuta Acqua S.Bernardo Cantù che, dopo il turno di riposo, punta a replicare l’ottima prestazione di Brindisi.

Tra le esterni si preannuncia scoppiettante il duello tra l’ex Johnson-Odom ed il rookie Cameron Young; sotto canestro la sfida Hayes-Owens metterà a confronto solidità ed atletismo.

Palla a due ore 17:30.

 

Quintetti
Acqua S.Bernardo Cantù:
Clark, Young, Pecchia, Wilson, Hayes.
Grissin Bon Reggio Emilia: Mekel, Johnson-Odom, Fontecchio, Upshaw, Owens.

I QUARTO:  Acqua S.Bernardo Cantù 15–19 Grissin Bon Reggio Emilia

Cantù fatica a trovare i giusti meccanismi in attacco mentre una Reggio più pronta corre e si porta avanti 0-8 dopo 2 minuti. La zone-press di coach Buscaglia crea ancor più confusione nella testa dei canturini che possono solo affidarsi all’estro offensivo di Young e Clark. Mekel inventa dal P&R ma le percentuali degli ospiti si sporcano, Cantù respira sul 10-15. I padroni di casa sono brutti ma efficaci e, grazie ad Hayes e Burnell, riescono a chiudere il quarto sotto solo di quattro lunghezze.

 

II QUARTO:  Acqua S.Bernardo Cantù 32–39 Grissin Bon Reggio Emilia

Solito avvio negativo e solita reazione di Cantù ad inizio secondo quarto, è 20-24 dopo parziale e contro-parziale di 5-0. Buscaglia inserisce nuovamente DJO in cerca di una maggiore pericolosità offensiva ma ottiene solo in parte i risultati sperati, Burnell avvicina i brianzoli sul 26-27. Nel momento di maggiore difficoltà sale in cattedra Vojvoda che sposta totalmente l’inerzia realizzando 10 punti nella sola seconda frazione. La solidità di Hayes e l’asse Mekel-Owens sono i protagonisti degli ultimi minuti prima della pausa lunga.

 

III QUARTO:  Acqua S.Bernardo Cantù 53–68 Grissin Bon Reggio Emilia

Per Reggio si sblocca Upshaw dalla lunga mentre Cantù trova il primo viaggio in lunetta dell’intera parita, è 36-45 dopo il 2 su 2 di Clark. Mekel torna a recitare il ruolo di professore di P&R e Reggio allunga grazie ai canestri di Owens e quelli dell’ex Maccabi. Vojvoda ricomincia da dove aveva terminato ed i padroni di casa possono solo affidarsi all’energia di Hayes e Rodriguez per rimanere aggrappati al match. L’attacco di Reggio diventa fluido anche con le seconde linee sul terreno di gioco e gli emiliani iniziano a scavare il solco; fatica troppo una Cantù che passa dal non trovare assolutamente punti dalla lunetta al realizzare solo a cronometro fermo.

 

IV QUARTO:  Acqua S.Bernardo Cantù 75–92 Grissin Bon Reggio Emilia

L’avvio di ultimo quarto è totalmente targato Reggio Emilia che, con un parziale di 0-6 prova a mandare i titoli di coda sull’incontro. In casa Acqua S.Bernardo Wilson prova a redimere l’opaca prestazione mentre Hayes si conferma l’unica nota positiva di serata. Owens è un fattore a rimbalzo offensivo mentre continua tra alti e bassi la partita di DJO. Nei minuti finali di gara Clark raccimola qualche punto per portare a 16 il suo bottino personale.

 

;

[pb-game id=”420154″]

Commenta