David Rivers : “Con Treviso era come giocare il Derby D’Italia”

David Rivers : “Con Treviso era come giocare il Derby D’Italia”

L’ex Fortitudo, tornerà al Palaverde da storico avversario

David Rivers tornerà con grande entusiasmo all’Old Star Game nell’edizione 2020 Awards Edition di Treviso. L’ex stella della Fortitudo Bologna versione 1997/98, plurititolato in Italia ed all’estero dopo aver vestito anche la maglia NBA dei Los Angeles Lakers con Magic Johnson e Kareem Abdul Jabbar, sarà tra gli storici avversari della selezione Awards che sfiderà i Miti di Treviso nell’evento in programma sabato 22 Febbraio alle ore 20.45 al Palaverde, organizzato da We for You Events&Communication di Ale Nava, in collaborazione con il Treviso Basket ed il patrocinio di Fip e Legabasket, a sostegno dell’”Officina Creativa – Made in Carcere” sostenuta da Santo Versace, che produce manufatti confezionati da donne detenute ai margini della società ed impegnata ad attività di reinserimento e nuovi percorsi formativi di vita con lo scopo di diffondere la filosofia della “Seconda Chance” e la “Doppia vita dei tessuti”.

Rivers racconta così le emozioni provate al PalaDozza nell’edizione del 2017:

L’atmosfera è stata davvero coinvolgente ed apprezzata, mi sono divertito un sacco e mi ha fatto molto piacere rivedere tanti vecchi compagni ed avversari in questa riunione di grandi protagonisti di derby che hanno fatto la storia del basket italiano. L’Old Star Game è un evento importante per i risvolti che riveste nei confronti della società: per noi protagonisti è una bellissima serata, e per i tifosi un’occasione importante per rivivere le emozioni del passato, ma allo stesso tempo anche per contribuire ad iniziative di beneficienza come quelle che l’evento ha supportato nel corso degli anni.

Qual’è la motivazione che spinge un grande ex giocatore a scendere in campo nell’Old Star Game?

E’una grande opportunità per gli appassionati di basket di fare qualcosa di più grande di noi stessi, e contribuire a fare qualcosa di utile per gli altri all’interno di una vera e propria comunità nel nome della comune passione per la pallacanestro. Per chi come me ha avuto tanto dal basket in termini di carriera professionistica è un piacere dedicare poche ore del mio tempo in favore di qualcosa di importante per scopi benefici come l’iniziativa Made in Carcere. E’un onore supportare Ale Nava e il suo grande lavoro che svolge nell’allestire questi eventi in favore del basket ma anche della comunità, e tutti coloro che collaborano per mettere in cantiere questo evento.
Dunque tornerà con entusiasmo anche il 22 febbraio al PalaVerde….
Sarà bellissimo essere presente anche a Treviso per cercare di ripetere il grande successo dell’edizione di Bologna. Ho aderito con entusiasmo all’invito dell’organizzazione, ancora non so se riuscirò a giocare qualche minuto ma tornerò volentieri su un campo che trasmetteva emozioni forti ai tempi in cui giocavo in serie A. Sono certo che i tifosi si divertiranno molto la sera del 22 febbraio.

Che ricordi ha della rivalità con Treviso?

Grandi ricordi, Treviso ha sempre avuto squadre fortissime e allenatori di alto livello partendo da Mike D’Antoni e il compianto Henry Williams. Fu sempre stimolante competere con loro sia in EuroLeague che in campionato, nella stagione 1997/98 li battemmo nettamente nella finale di Coppa Italia con Petar Skansi in panchina che aveva stimoli forti dopo aver portato il primo Scudetto a Treviso qualche anno prima. Lo rivedrò molto volentieri all’Old Star Game insieme a tanti vecchi amici dell’epoca.

Quale messaggio invia ai tifosi in vista dell’Old Star Game 2020?

Spero che i tifosi portino tutta l’energia e l’entusiasmo di cui erano capaci ai tempi delle nostre grandi sfide e si ricrei l’atmosfera meravigliosa del PalaVerde di quando ci venivo come giocatore. Ho apprezzato tantissimo le sfide contro Treviso anche grazie al clima che i tifosi biancoverdi sapevano creare in tribuna, e spero siano in grado di fare altrettanto. L’invito che rivolgo a tutti loro è quello di accorrere in massa all’evento, proprio per il suo scopo benefico che si rivolge a qualcosa di più grande di tutti noi.

La prevendita dei biglietti on line è disponibile sul circuito VivaTicket ed in tutti i punti vendita in Italia o nei negozi Wind di C.so del popolo, San vito, Oderzo e Conegliano per i settori “non numerati”.
Sarà possibile acquistare i tagliandi anche sabato 22 al PalaVerde ai botteghini.

Fonte: Ufficio Stampa Old Star Game.

Commenta