Daspo di cinque anni, calciatore dilettante non può più giocare

Daspo di cinque anni, calciatore dilettante non può più giocare

Fu diffidato per cinque anni dopo gli scontri della finale di A2 2017 tra Alma Trieste e Virtus Segafredo Bologna

Non sarà più possibile praticare uno sport a livello agonistico se precedentemente colpiti da Daspo in conseguenza a scontri dopo un evento sportivo.

Questo quanto riportato da Il Piccolo, indicando la sentenza del 31 dicembre del Tar del Friuli Venezia Giulia in merito ad un calciatore dilettante triestino, fermato nella sua attività dopo aver incassato una diffida di cinque anni per gli scontri del giugno 2017 al termine di gara-3 di finale di A2 tra Alma Trieste e Virtus Seagfredo Bologna.

Commenta