Crespi sul caso Masciadri: Lasciata fuori in segno di rispetto. So di aver sbagliato

Crespi sul caso Masciadri: Lasciata fuori in segno di rispetto. So di aver sbagliato

Crespi parla di Raffaella Masciadri su Il Corriere della Sera: Penso di essere stato trasparente e leale con Raffaella Masciadri da subito

Marco Crespi, allenatore della nazionale femminile, ha parlato a Il Corriere della Sera del caso Raffaella Masciadri.

Il coach ha spiegato il suo punto di vista e la decisione di non farla entrare contro la Svezia, partita in cui le azzurre hanno conquistato il pass per Eurobasket Women del 2019, nonostante fosse l’ultima con la maglia dell’Italia di una leggenda del basket nostrano.

“Sento dispiacere. Ho sbagliato perché ho agito pensando di fare il meglio, senza chiedere alla diretta interessata cosa preferiva lei. La mia era una scelta di rispetto per la sua carriera, darle sedici o cinque secondi a fine partita mi sembrava irriguardoso. Non mi aspettavo di passare per quello che non sono” ha detto Cresi che ha spiegato cosa sia successo con Masciadri. “Penso di essere stato trasparente e leale con Raffaella Masciadri da subito, da quando mi ha chiamato a giugno per dirmi che era senza squadra e io le diedi massima disponibilità al fatto che per rispetto a un impegno preso verso le partite di qualificazione all’Europeo avrebbe sicuramente indossato una delle dodici maglie. Sempre allora, con la massima franchezza, aggiunsi che nel caso di qualificazione non sarebbe più rientrata nel programma”.

Commenta