NanoPress

Corner Stats: rating di Eurolega

Corner Stats: rating di Eurolega

Diamo uno sguardo ai Rating di Eurolega, anche nelle cinque uscite.

Bentornati su Corner Stats! Stiamo entrando nella fase finale di regular season dell’EuroLeague. Alcuni verdetti sono già stati dati, ma la maggior parte delle squadre è ancora alla caccia del proprio obiettivo stagionale. Diamo dunque uno sguardo ai rating di EuroLeague per conoscere le condizioni della sedici partecipanti. 

In questo articolo ho pensato di aggiungere oltre al solito grafico dei Rating di squadra anche uno che visualizzi le efficienze nelle ultime cinque partite disputate: in questo modo potremo vedere come ogni squadra si sta comportando attualmente rispetto al resto della stagione. Ecco dunque i due grafici; il primo mostra con i rating di tutta la stagione, mentre il secondo quelli mediati nelle ultime cinque:

I limiti dei due assi sono gli stessi nei due grafici: così facendo abbiamo lo stesso piano cartesiano in entrambi i casi, in modo da capire immediatamente come una squadra abbia variato la propria posizione.

In primo luogo una constatazione generale: l’efficienza media di Lega nelle ultime settimane si è abbassata (si può notare lo spostamento verso sinistra e in alto delle linee blu tratteggiate). Se si considera l’intera stagione siamo ancora sopra quello della passata stagione (113,8 contro 115,1), ma nelle ultime cinque chiaramente la stanchezza accumulata deve aver portato ad un calo di rendimento.

Se osserviamo il primo grafico, notiamo subito come la posizione del terzetto composto da Buducnost, Darussafaka e Gran Canaria rispecchi il loro piazzamento in classifica. Sono tre squadre che sono entrate con pieno merito nella massima competizione europea, ma che, anche per limiti di budget, non hanno potuto costruire un roster all’altezza della competizione (e che sapesse resistere al doppio – o triplo – impegno settimanale). Invero, il Buducnost nel corso della stagione ha modificato il roster in maniera importante: le ultime aggiunte, ovvero Cole e Bitadze assieme a coach Repesa, sono sicuramente aggiunte di spessore che hanno cambiato volto alla squadra; si nota infatti un deciso cambiamento nel Defensive Rating.
Gran Canaria invece, a dispetto dell’aggressività e voglia di vincere mostrata con Milano, ha probabilmente la testa più rivolta verso le Liga ACB, dove sta lottando per accedere ai play-off. Vorrei solo dire una cosa: #freeMarcusEriksson.

Marcus Eriksson

Marcus Eriksson

Ruolo: Shooting Guard
Altezza: 2.01
Nato il: 05/12/1993

Età: 25
Nazionalità: Sweden

Scherzi a parte, lo svedese è un giocatore di indubbio valore: in questa stagione, condita da alcuni infortuni che ne hanno limitato l’utilizzo in alcuni frangenti, sta flirtando con il 50-40-90 (tira infatti con il 47% da 2, 43% da 3 e il 90% dalla lunetta), ha un PER di 16 ed è tra i migliori per Offensive Rating della sua squadra. Sarei assai curioso di vederlo in un contesto differente, tipo in un Baskonia o Bayern: a mio parere potrebbe incrementare la sua efficienza e utilità.

Lo Zalgiris invece ha subito un deciso crollo offensivo: l’infortunio di Kavaliauskas ha costretto Sarunas ha cambiare le rotazioni dei suoi lunghi e di conseguenza non ha più potuto sfruttare l’utilità di White in uscita dalla panchina. L’altro infortunio, quello di Westermann, ha invece costretto Jasi a chiedere di più a Grigonis e Walton, giocatori che però non hanno saputo dare quel qualcosa in più: i loro PER, volendo citare una statistica che riassuma i loro contributi, sono crollati attorno ai 10 punti nelle ultime prestazioni, confermando che attualmente non stanno avendo un buon impatto in campo. Si sapeva che rispetto alla passata stagione lo Zalgiris aveva perso molto (soprattutto tra gli esterni con le partenza di Pangos, Micic e Toupane), eppure, fino a che il roster è rimasto sano, abbiamo potuto ammirare come l’influenza di Jasi sulla propria squadra sia tra le più forti e positive di tutta l’EuroLeague.

Chi sta stupendo nelle ultime uscite è il Baskonia: in molti, compreso il sottoscritto, avevano ipotizzato che gli infortuni di Shengelia e Granger avessero ridotto drasticamente le chance di play-off della squadra basca. Ed invece è successo l’esatto opposto: nelle ultime cinque il Baskonia è 3-2 e ha vinto due scontri diretti contro Milano e Maccabi per la corsa al settimo/ottavo posto. Poirier non sta facendo sentire la mancanza di Shengelia: la già incredibile stagione del centro francese è ulteriormente migliorata dopo l’uscita di scena del suo compagno di reparto. Vincent è passato da un 20 ad un 25 in PER ed è attualmente il miglior giocatore di Vitoria.

Vincent Poirier

Vincent Poirier

Ruolo: Center
Altezza: 2.13
Nato il: 17/10/1993

Età: 25
Nazionalità: France

Inoltre è tornato Voigtmann: il lungo tedesco ha finalmente ritrovato la sua amata mano da 3 punti e nelle ultime uscite sta tirando con il 53%; la possibilità di stretching offensiva che Voigtmann offriva nella passata stagione al Baskonia era imprescindibile e ora che è tornato in fiducia, può nuovamente aiutare i suoi compagni con la sua arma preferita.

Altra squadra in forma è il Maccabi: dal cambio di allenatore in poi, la squadra di Tel Aviv ha poco a poco preso fiducia e se inizialmente non si pensava di vederla lottare per un posto nei play-off, ora è lì assieme a Baskonia, Bayern e Milano. Il vero salto di qualità con Sfairopoulos è stato fatto in difesa: da 120 a 113 di Defensive Rating.

Stupisce parzialmente invece la posizione dell’Olympiacos: la squadra di Blatt non è sicuramente una creatura perfetta, ma il record nelle ultime cinque, quando ci si aspettava il definitivo salto di qualità, è 2-3, con un preoccupante 120 di efficienza difensiva.  Nell’angolo in alto a destra invece troviamo le solite squadre: Real, CSKA e Fenerbahce hanno mantenuto un livello di qualità altissimo per tutta la stagione.

Insomma, il rush finale per il settimo/ottavo posto a mio parere è quello più affascinante: sono coinvolte diverse squadre che, seppur colpite da diversi infortuni più o meno pesanti, stanno dando il tutto per tutto per strappare il pass per il play-off. Curiosissimo di capire chi ce la farà.

Commenta