NanoPress

Contento è clutch, Scafati espugna Latina 92-87

Contento è clutch, Scafati espugna Latina 92-87

La Givova, sotto di 11 all'intervallo lungo, strappa la vittoria al termine di un match estremamente appassionante dall'inizio alla fine.

Colpo esterno di Scafati sul parquet della Latina Basket: 92-87 al termine di una partita sempre intensissima e che, in un crescendo di emozioni, ha tenuto gli spettatori col fiato sospeso fino alla fine. Aaron Thomas, condizionato dai falli, è il top scorer con 19 punti in 22 minuti ma l’uomo partita è Marco Contento (15 punti), autore della tripla che ha deciso l’incontro nel finale. Importantissimo anche Riccardo Rossato (17 punti), specialmente nel terzo quarto. A Latina non basta il miglior Valerio Cucci della stagione (18 punti in 21 minuti) né un Patrick Baldassarre in doppia-doppia (16 punti, 14 rimbalzi).

 

Il primo quarto offre poco spettacolo ma la gara è da subito appassionante: ritmi alti e fisicità elevata contraddistinguono l’approccio di entrambe le squadre. Non è una partita per timidi, da nessun punto di vista, che si tratti di mordere il match prendendo tiri senza esitare (come fanno Carlson da una parte e Thomas dall’altra) oppure di buttarsi nella mischia quando c’è da lottare sotto i tabelloni. L’impatto di Fabi e di Baldassarre è senz’altro positivo per i padroni di casa: Latina chiude il quarto sul 23-17.

L’attacco pontino si fa sempre più preciso mentre quello scafatese stenta a decollare: ciò sta alla base del 10-2 nerazzurro d’inizio quarto (33-19, -7’30”). Gli ospiti reagiscono, non mollano e Thomas è sempre una spina nel fianco (15 punti all’intervallo lungo) ma, col passare dei minuti, diventa sempre più evidente che è Latina a fare la partita. Lo sforzo è davvero collettivo, come nelle migliori versioni della truppa di Gramenzi: Cucci è efficacissimo, come mai prima dal suo arrivo alla Benacquista e anche il giovane Jovovic si fa notare con due grandi giochi da tre punti messi a segno sul finire del secondo quarto. Negli ultimi secondi, una tripla di Romeo rende il passivo meno pesante ma le cose per Scafati sono complicatissime, essendoci ora un Thomas gravato addirittura da quattro falli. Le squadre vanno negli spogliatoi sul 50-39 Latina.

Al rientro, i campani fanno capire subito che non hanno intenzione di alzare bandiera bianca: la Givova mette in campo aggressività altissima e mostra idee molto chiare in attacco, cose che adesso mancano del tutto ai padroni di casa. Il parziale messo in piedi dai gialloblu si fa sempre più cospicuo, fino a trovare coronamento coi liberi del pareggio di Ammannato (54-54, -5’57”). A quel punto, Gramenzi rimette in campo Baldassarre e Cucci, cioè la coppia di lunghi che tanto bene aveva fatto nel primo tempo. L’effetto è immediato e proprio i due firmano un controparziale di 5-0 che restituisce ossigeno ai pontini (59-54, 4’36”). Il momento positivo di Latina non si esaurisce col timeout chiamato da Lardo: ora la contesa è perfettamente equilibrata, anche perché c’è un Rossato assolutamente on fire (10 punti nel terzo quarto) che da una gran mano nel tenere Scafati in scia. L’ultimo giro di lancette è palpitante e si chiude sul 68-67 Benacquista.

Il quarto conclusivo non può che essere denso di emozioni. Botta e risposta continui con un Goodwin che si segnala per un paio di gran giocate (un alley-oop e un recupero con contropiede solitario chiuso in schiacciata). A metà quarto, Scafati trova il +3 con un long-two di Ammannato (76-79, -4’48”) seguito però poco dopo dal quinto fallo di Thomas, il secondo gialloblu costretto a lasciare il campo (poco prima Tavernari era uscito per una botta alla caviglia destra). Latina però fa una fatica immensa contro la pressione difensiva avversaria e nel frattempo la Givova va sul 76-81 con Goodwin (-4’18”). I punti da recuperare sono solo cinque ma, in un momento come questo, assomigliano a una montagna da scalare per Latina. La Benacquista riesce però a riportarsi sotto, piano piano, un passo alla volta: un canestro dalla media di Tavernelli dal pick and roll e tecnico trasformato in libero da Fabi portano i nerazzurri sul -1 (85-86, -1’02”). Contento poco dopo fa 1/2 ai liberi e, nell’azione successiva, Latina perde palla: il colpo decisivo lo mette proprio Contento con una tripla in step back per il +5 a 12.4 secondi dalla fine. Il match si chiude infine col successo di Scafati col punteggio di 87-92.

Commenta