NanoPress

Club Italia in campionato, Menetti scettico: Quando è il loro momento i giovani hanno sempre giocato

Club Italia in campionato, Menetti scettico: Quando è il loro momento i giovani hanno sempre giocato

Menetti: Scimmiottare sempre quello che fanno altri sport, non mi pare la cosa migliore. Se tutti avessero una visione un po' più equilibrata, cosicché una vittoria o una sconfitta non rappresentassero ogni volta una dramma, i giovani potrebbero giocare di più

Max Menetti, allenatore della De’Longhi Treviso, non vedrebbe di buon occhio l’introduzione di un “Club Italia” in Serie A2. Il Club Italia sarebbe una squadra composta dai migliori giovani del panorama italiano.

Queste le parole del coach di Treviso, ex allenatore della Grissin Bon Reggio Emilia con cui ha vinto una Eurochallenge e conquistato due finali scudetto.

Un estratto da Il Gazzettino di Treviso.

“Quando è il loro momento i giovani hanno sempre giocato e continueranno a giocare. personalmente non mi sono mai piaciuti gli “acquari”. E anche scimmiottare sempre quello che fanno altri sport, non mi pare la cosa migliore: certo, la pallavolo sta portando avanti il Club Italia (con anche risultati eccellenti, soprattutto in campo femminile, ndr), ma, ad esempio, ha regolato tutti i campionati sull’attività delle nazionali. È una questione di mentalità: se tutti avessero una visione un po’più equilibrata, cosicché una vittoria o una sconfitta non rappresentassero ogni volta una dramma, i giovani potrebbero giocare di più, gli allenatori li farebbero entrare con meno tensioni, le società sarebbero più soddisfatte nel vedere progredire un proprio ragazzo”. 

Commenta