Cantù, un tocco biancoblù sulle divise per suggellare la partnership con Cinelandia

Cantù, un tocco biancoblù sulle divise per suggellare la partnership con Cinelandia

Ritorno al passato, sulla maglia, per i brianzoli.

Si è tenuta quest’oggi, presso il Multisala Cinelandia di Como, la presentazione della partnership tra Pallacanestro Cantù e Cinelandia, diamond sponsor del glorioso club canturino che ha deciso di sponsorizzare, sino al 2021, anche Minibasket e Progetto Giovani Cantù.

Durante la conferenza stampa sono state svelate novità e sviluppi della partnership tra le importanti realtà canturine, una in particolare: il ritorno della tonalità biancoblù, una piccola modifica sul retro della divisa da gara dell’Acqua S.Bernardo Cantù che abbina l’importanza dei colori sociali di Pallacanestro Cantù a quelli della storica azienda cinematografica.

Ad aprire la conferenza stampa, il padrone di casa, Paolo Petazzi, amministratore unico di Cinelandia: «Il basket è sicuramente emozione e in quest’epoca virtuale e di social, le emozioni sono tutto. Anche da Cinelandia si vivono emozioni vere, perché qui non si vedono soltanto i film ma questo è da sempre anche un luogo di aggregazione e ristorazione, non solamente un posto dove vedere un film».

Questo, invece, il commento di Andrea Mauri, amministratore delegato di Pallacanestro Cantù: «Ci tenevamo ad approfondire la partnership con Cinelandia perché è stata la prima sponsorizzazione importante a credere nel progetto triennale. Quanto alla modifica sulla maglia, la nostra intenzione era quella di dare un tocco biancoblù e, infatti, dalla prossima partita contro Sassari, sullo sfondo del logo Cineandia compariranno il bianco e il blu, che testimoniano la vicinanza ai nostri colori sociali, così come al brand di Cinelandia».

«Il progetto con Cinelandia – prosegue Mauri – si allarga, diventiamo così una grande famiglia insieme anche a Minibasket e PGC. Il nostro obiettivo è quello di portare avanti un progetto che coinvolga tutte le società che collaborano con Pallacanestro Cantù, una partnership che, quindi, non guarda solo alla Serie A».

La parola, poi, è passata ad Antonio Munafò, chiamato a rappresentare sia il Progetto Giovani Cantù che il Minibasket: «Cinelandia è un partner di lunga data di PGC ma è davvero importante che ora si aggiunga anche al Minibasket. Per questo ringrazio Petazzi e la nuova dirigenza di Pallacanestro Cantù per mettere, al centro delle idee, le attività giovanili. Credo che il futuro della Pallacanestro Cantù dipenda sicuramente da una nuova arena, per tornare a sentirci tutti canturini, ma fondamentale sono anche i giovani, una linfa importante per dare futuro alla nostra passione. Se coinvolgiamo tanti ragazzi, coinvolgeremo anche tante famiglie. Coinvolgendo più famiglie possibili, ci permetterà in futuro di avere sempre più tifosi che supportano il progetto».

Presenti nel corso della mattinata anche coach Cesare Pancotto e il duo Alessandro Simioni-Wes Clark, entrambi i giocatori molto affascinati dalla location della conferenza stampa e perfettamente a loro agio nel Multisala comasco. «Andare al cinema per vedere un film vuol dire vivere delle emozioni – ha commentato Pancotto – e lo stesso cerchiamo di fare noi quando andiamo in campo, dando ai nostri tifosi soddisfazioni ed emozioni».

Commenta