Brienza: Brescia complicata da affrontare. I playoff? Un di più

Brienza:  Brescia complicata da affrontare. I playoff? Un di più

Il coach di Cantù commenta la sfida con Brescia

Si è tenuta questa mattina, presso la sala stampa della palestra “Toto Caimi” di Vighizzolo, la conferenza pre partita di Acqua S.Bernardo Cantù-Germani Basket Brescia, incontro in programma al “PalaDesio” alle ore 20:45 di domenica 7 aprile, valido per la 25esima giornata di LBA. A disposizione dei giornalisti il capo allenatore dell’Acqua S.Bernardo, coach Nicola Brienza, il quale ha presentato così il derby lombardo con la Leonessa.

Sul prossimo impegno casalingo: «Domenica giochiamo contro Brescia, una nostra diretta concorrente nel ranking e per i playoff. È una squadra molto tecnica e complicata da affrontare a livello tattico, per le zone e per i cambi che fanno durante la singola gara. Il loro primo obiettivo è quello di provare a far giocare male gli avversari, o meglio, provano a togliere le prime opzioni e i giochi della squadra avversaria, cercando di rallentarle molto il ritmo. Quello della Leonessa è un roster che, rispetto ad inizio stagione, è cambiato tanto. Per scelta hanno deciso di limitare un pochino le proprie rotazioni e finora la cosa sta pagando».

Sui singoli: «Hanno un roster composto da italiani di riferimento come Luca Vitali, Awudu Abass, Brian Sacchetti e Andrea Zerini, tutti giocatori molto “sgamati”, oltre ovviamente a David Moss, giocatore di esperienza e qualità. Le loro vittorie passano poi molto dalle prestazioni individuali di Jared Cunningham e Jordan Hamilton, due americani di grande talento, in grado di risolvere una partita con un tiro creato dal nulla. E ne sappiamo qualcosa per la gara di andata, dove Hamilton fece una partita importante. Dovremo essere bravi a capire come andare e dove andare ad attacare Brescia».

Post derby: «Dobbiamo prendere le cose positive dimostrate nel derby con Milano, cercando di trasferirle per la prossima sfida casalinga. Una partita a cui teniamo molto e dove probabilmente avremo anche pressioni diverse rispetto alla gara del Forum, dove ci tenevamo a fare una bella prestazione ma dove non avevamo di certo pressioni sotto il profilo del risultato».

La chiosa sul pubblico e su quanto fatto finora: «Vi aspettiamo in tanti domenica sera al PalaDesio, spero vivamente di poter contare su un grande aiuto da parte dei tifosi canturini. Il nostro obiettivo non è necessariamente quello di centrare i playoff. Cioè, ovvio, se capita è una cosa bella ma il nostro obiettivo primario è quello di rendere felice il nostro pubblico. Per il lavoro, per il percorso fatto da agosto ad oggi e per le difficoltà avute, andare ai playoff sarebbe una cosa bellissima per noi, per i tifosi e per la nuova proprietà, ma sarebbe comunque un di più. Raggiungendo la salvezza con otto giornate di anticipo, la torta l’abbiamo già farcita con tanta crema. La qualificazione alla post season si tratterebbe di mettere la ciliegina. Quando chiamo gente al palazzetto non lo faccio per vincere le partite o per andare ai playoff ma perché mi piacerebbe condividere con loro una cosa bella che abbiamo già conquistato insieme. Lo meritano i ragazzi. La squadra, Davide Marson, Andrea Mauri, la TIC, tutti in questo momento meritano un supporto importante per quello che stanno facendo».

Commenta