Bologna espugna Ravenna e continua la corsa alla promozione

Bologna espugna Ravenna e continua la corsa alla promozione

70--74 il finale per la Lavoropiù che con questa vittoria rimette 4 punti di vantaggio su Montegranaro. Ravenna ci crede tutto il match ma molla nel finale.

Era la prima di sette finali: Bologna la vince, rimette quattro punti su Montegranaro, e riprende la cavalcata, apparentemente persa due settimane prima al Paladozza proprio contro i marchigiani. E’servito un match di sofferenza, perso inusualmente nella valutazione totale, ma vinto negli ultimi passi con forse il vero acquisto ritrovato (Mancinelli) e le buone cose di Fantinelli. Ravenna ci crede, ne mette 26 col solito Smith, tiene testa per tutta la serata alla capolista, ma molla il colpo solo nel finale.

Due strappi immediati aprono le danze: 11-2 romagnolo con due triple di Jurkatamm, subito ricucito da altrettanta roba di Hasbrouck per l’11-13 esterno in risposta. In mezzo due discorsi da panchina, prima per l’osannato coach Martino tornato in “terra di patria” dove buone cose ha lasciato in quattro anni, poi per coach Mazzon. Bologna spreca nulla (zero buttate in 10′), mentre l’Orasì con Smith a secco, si piazza a zona, e viaggia su percentuali di tiro identiche agli avversari prima di perdere leggermente il filo del discorso sul primo stop di serata. Toccato un quasi automatico +6, la Effe si fa riprendere per i capelli: due missili dell’ex Montano rimettono i giallo rossi davanti (25-23) con la Effe a sparacchiare dall’arco (4 “sdeng”) e a soffrire a rimbalzo. Servono 5 di Mancinelli, qualcosina da Hasbrouck per rimettersi davanti (27-32), prima di vedere accendersi Smith: Nove del capocannoniere tutto d’un botto, con tripla annessa di Masciadri, e Ravenna avanti quanto basta all’intervallo lungo.

Si ricomincia e si va col contagocce: Smith prova un mini allungo (42-38), Bologna si rimette davanti (42-43), e la gara cambia padrone ad ogni istante. Due triple nel quarto (Leunen e Venuto per il 47-50) pesano parecchio sull’economia di un quarto fatto di tiro a segno (3/16 fra i 10 in campo). Altri 7 di Smith tengono Ravenna lì ad un passo dagli avversari alla terza pausa. Ultimo sforzo: 5 di Fantinelli tengono Bologna lì (59-59), poi la Effe è presa per mano da Mancinelli. 8 filati del “Mancio” fanno 63-67 esterno, 2-10 di parziale sempre esterno, a 3 dal gong. Sembra in discesa, con Fantinelli a banchettare (65-71). Montano non ci sta: “boom” dall’angolo per il 70-71 ad 1′ dal traguardo. Ne servirebbe un’altra poco dopo, ma stavolta a 28”, sul 70-73 Fortitudo, la tripla dell’ex biancoblù è sul ferro. Inizia allora la festa dei 500 bolognesi.

Commenta