Bertomeu: Obiettivo è riprendere EuroLeague e EuroCup. Decisione entro fine maggio

Bertomeu: Obiettivo è riprendere EuroLeague e EuroCup. Decisione entro fine maggio

Bertomeu conferma che nel caso in cui si riprendesse, non si potrà andare oltre fine luglio

Nel corso di una conference call con alcuni media europei a cui Sportando ha avuto il piacere di partecipare, Jordi Bertomeu ha fatto il punto della situazione sia su EuroLeague che su EuroCup.

Il CEO di EuroLeague Basketball ha confermato che l’obiettivo è quello di portare a termine le stagioni delle due competizioni ma che non si potrà giocare oltre la fine di luglio.
EuroLeague non ha intenzione, come fatto da BCL, di terminare l’annata con un torneo tra le squadre restanti da disputare tra settembre ed ottobre prossimi.

Queste le sue parole più interessanti.

“Vogliamo riprendere le nostre competizioni anche sapendo che verranno disputate senza tifosi. Ma solo quando saremo in grado di garantire la sicurezza al 100% ai giocatori, agli allenatori e tutte le altre persone coinvolte.

L’obiettivo è quello di chiudere i due tornei usando le formule in vigore ma stiamo valutando anche diverse opzioni ossia giocare in una sola città.
Per esempio potremmo fare una Final Eight invece dei playoff per chiudere la EuroLeague ed una Final Eight per la EuroCup.

E’ ovvio che a maggio non avremo alcuna Final Four a Colonia.

Quello che è certo è che se non saremo sicuri al 100% della sicurezza dei nostri giocatori, allenatori e persone coinvolte non riprenderemo. Non prenderemo alcuna decisione rischiosa. E se dovremmo cancellare le stagioni, lo faremo.

Sicuramente non potremo giocare oltre fine luglio. Siamo assolutamente contrari a giocare tra settembre ed ottobre.

Per quanto riguarda la prossima stagione è ancora presto per prendere decisioni. Verso giugno inizieremo a pensarci. Ora siamo concentrati sul chiudere le attuali stagioni. Per quanto riguarda le wild card anche non ci stiamo pensando.

Se dovessimo riprendere i giocatori dovranno tornare nei rispettivi paesi delle squadre, fare due settimane di quarantena e poi due settimane di allenamenti. Noi abbiamo consigliato alle squadre di non lasciar partire i propri giocatori. Se qualcuno non dovesse tornare non è nostra responsabilità e giocherà con gli atleti a disposizione.

La deadline per prendere una decisione finale è maggio. Non la prima metà di maggio ma più vicini a giugno. Comunque non decideremo oltre maggio.

Commenta