La Sassari di Pierre e Vitali non ha pietà neanche di Strasburgo: prosegue la corsa al primo posto

83-88 il finale

Il Banco di Sardegna Sassari si conferma corazzata in questa Basketball Champions League. E non solo. Pur con la qualificazione alla seconda fase già in tasca, la squadra di Gianmarco Pozzecco passa in Francia a Strasburgo con una grande e convinta prova collettiva.

83-88 il finale, 1 punto e 3 rimbalzi per il nuovo acquisto Dwight Coleby .

Sassari che aggredisce subito la partita con un grande primo quarto d’attacco, tanto basta per il 42-46 di fine primo tempo. Padroni di casa che hanno 12 punti e 4 rimbalzi nei primi 20’ da York, 9 da Nzeuline, 7 da Traorè. Sassari, 9/20 da 3, ne ha 12 da Vitali e 9 con 8 rimbalzi dal solito, ottimo Pierre.

Nella ripresa, Sassari, alza definitivamente i toni. Pierre e Vitali certo, ma anche Marco Spissu, e soprattutto un Miro Bilan già da 13 punti e 7 rimbalzi a fine terzo quarto. La Dinamo vola sul 58-68 della mezzora, nonostante i francesi arrivino ad un 15-2 dei punti in transizione.

Strasburgo ha bisogno del successo per cercare la qualificazione, Sassari vuole ancora il primo posto: la differenza di motivazioni non si sente, i francesi litigano dall’arco e Michele Vitali a 4.39 mette la tripla del +15. Gara nel ghiaccio? No.

Strasburgo a 2.30 ha anche la tripla del -5 nelle mani dopo un timeout di “richiamo” di Gianmarco Pozzecco, a 36” effettivamente i francesi si riportano sull’81-86, ma è ormai troppo tardi per Vincent Collet.

Commenta