Avellino rialza la testa: Ludwisburg ko 82-76

Avellino rialza la testa: Ludwisburg ko 82-76

La Sidigas torna al successo dopo due ko di fila

Avellino rialza la testa e torna al successo dopo due pesanti ko battendo al Del Mauro il Ludwisburg col punteggio di 82-76. Biancoverdi che hanno risposto alle vicissitudini societarie con un successo ipotecato nel primo tempo, quando Sykes (10 punti e 4 assist) e Green (18 punti, 6 rimbalzi e 5 assist) hanno spinto la Sidigas fino al +20 (37-17 al 17′). Al rientro dall’intervallo lungo, però, il Riesen ha aumentato i giri del proprio motore, guidato da un Crawford stellare da 27 punti. Nel finale punto a punto, prima Cole (15 punti, 9 rimbalzi e 6 assist) e poi Ndiaye (10 punti e 4 stoppate in 17 minuti) hanno regalato il successo ad una Sidigas di nuovo seconda nel gruppo A di Champions League.

Cronaca. L’inizio è all’insegna dell’equilibrio, con Crawford e Ndiaye a farsi notare (7-7 al 4′). Dopo un paio di minuti senza canestri, è la Sidigas a mettersi in ritmo e a provare il primo mini allungo sul 14-8 al 7′. Il Riesen si affida ad un time-out, ma Avellino difende e corre in transizione con Green e Sykes che firmano il 19-8 all’8′. Ed è proprio il play statunitense a chiudere il primo quarto con la tripla del 22-11. Il Ludwisburg sprofonda sotto i colpi di una Sidigas concentrata che con Young e D’Ercole si spinge sul 27-11 al 12′. Il parziale in favore di Avellino arriva ad un incredibile 21-3 (29-12 al 13′). Patrick spende un altro timeout e i tedeschi provano a sbloccarsi con un paio di giocate di Martin e Chapman, ma la Sidigas con Campogrande e Cole vola sul +20 (37-17 al 17′). Il Ludwisburg rialza la testa con un parziale di 11-2 firmato da Best e Crawford (39-28 al 18′), ma un positivo Young e Cole fissano il 43-28 dopo il primo tempo.

Il copione non sembra cambiare al rientro dall’intervallo lungo, con un Caleb Green che si fa perdonare un antisportivo piazzando otto punti di fila per il 51-33 al 22′. Il Riesen però non molla la presa e guidato da Crawford si riporta sul -10 (53-43 al 25′). L’appoggio in contropiede di Best vale il 53-45, ma nel momento di maggior difficoltà ci pensa Nichols a firmare un 6-0 di parziale e a far respirare Avellino (59-45 al 26′). I tedeschi però proseguono con il loro buon momento offensivo e chiudono sotto sul 64-56 i primi tre quarti grazie al solito Crawford. In apertura di ultimo periodo è Cole a svegliarsi e a firmare il nuovo +12 Avellino (68-56 al 32′). Il Ludwisburg si affida a Von Fintel e Martin che da oltre l’arco spaventano la Sidigas per il -6 (72-66) con 5′ da giocare. Filloy risponde con una tripla ma il Riesen è concreto e Crawford immarcabile. A pareggiare la partita a quota 76 è però Chapman con una tripla a 1’49” dal termine. Vucinic chiama il time-out e Ndiaye scuote la Sidigas con un due più uno per il 79-76 e poi stoppando la tripla di Crawford lancia in contropiede Green per la tripla del +6 (82-76) con 1’07” sul cronometro. Ndiaye è scatenato e stoppa anche Chapman, mettendo in pratica fine al match. Avellino torna al successo, Ludwisburg si arrende 82-76.

[pb-game id=”406456″]

Commenta