Strasburgo stregata per la Virtus, Segafredo sconfitta 83-80

Strasburgo stregata per la Virtus, Segafredo sconfitta 83-80

Primo posto ancora da agguantare per la Virtus Bologna che cade a Strasburgo, non bastano alla Segafredo le prove convincenti di Aradori e Punter. Decisiva la netta superiorità a rimbalzo dei transalpini trascinati da un grande Collins.

Strasburgo non porta fortuna alla Virtus Bologna che cade alla Rhenus Sport dopo una gara combattuta. Non bastano alla Segafredo, travolta a rimbalzo da Fall e compagni, l’ottima prestazione di Aradori e le fiammate di Moreira e Punter. L’ex AEK riporta le V nere a meno 1 nel finale, m è un super Collins a chiudere la gara con la stoppa su M’Baye.

LA GARA
Parte forte Strasburgo che piazza il 5-0 firmato da Eddie e Green, la Virtus fatica in attacco ma replica con il duo Taylor-Punter, tripla in transizione dell’ex AEK per la parità, 8-8. Velenoso negli anticipi Moreira che fa un gran lavoro su Fall, arriva il sorpasso ed il mini allungo bianconero timbrato da Martin e dall’ex PAOK, 10-15. Un’ingenuità di M’Baye, fallo su tripla dall’angolo di Eddie, ricarica i transalpini che rimettono la freccia, 16-15. Iniziano lunghe rotazione da parte di entrambe le panchine, all’esperienza del veterano Ali Traore risponde Aradori con il buzzer beater da tre che sigilla il 22 pari alla prima sirena. Altra bomba, con fallo subito, questa volta di Punter apre il secondo periodo, l’appoggio mancino di Pajola certifica il nuovo sprint Segafredo, 22-28. Bologna spreca un paio di chance per allungare, Lang punisce con 5 punti filati, 27-28. V nere che si affidano alle improvvisazioni di Punter ed Aradori, Collins è il terminale offensivo prescelto dai padroni di casa, un siluro dall’angolo di Eddie riporta avanti i francesi, 37-36. Sofferenza assoluta a rimbalzo per gli ospiti a cui si aggiunge il secondo fallo di Moreira, ancora Collins in penetrazione per il più 3, 41-38. Nonostante le due penalità è sempre Moreira l’architrave che sorregge la Virtus, 43-44 all’intervallo. Dopo la pausa lunga Collins continua ad aprire il libro dei trucchi, l’asse con Fall produce il sorpasso, 49-46. La Segafredo si aggrappa sempre al trio Moreira-Punter-Aradori, tutto il gran talento dell’azzurro tiene a contatto Bologna alla penultima sirena, buzzer beater dall’angolo di Lang, 64-59. Si bloccano gli ingranaggi offensivi bianconeri, Strasburgo trova il massimo vantaggio in apertura di quarta frazione, dell’ex romano Traore il più 9, 68-59. Punter interrompe il digiuno virtussino ma arriva con il botto di Nzeulie il primo margine in doppia cifra per gli alsaziani, 71-61. Alla Virtus, doppiata a rimbalzo, serve una fiammata d’orgoglio prodotta dal solito Aradori, 79-75. Punter fa tremare i padroni di casa con 5 punti da campione, 81-80, non trema la mano di Eddie dalla linea della carità, M’Baye si fa stoppare sull’ultimo assalto bianconero per il possibile overtime.

STRASBURGO: Collins 20, Eddie e Lang 12, Fall 11 (con 17 rimbalzi)
SEGAFREDO BOLOGNA: Punter 22, Aradori 21, Moreira 14

Commenta