Sykes fa il gigante, Avellino ferma Milano 85-81

Sykes fa il gigante, Avellino ferma Milano 85-81

Avellino vince trascinata dai 31 punti di un monumentale Sykes

Arriva al PalaDelMauro di Avellino la prima sconfitta in campionato di Milano. Gli uomini di Pianigiani si sono arresi alla Sidigas dopo un match vibrante, vissuto sempre sul filo dell’equlibrio e deciso nel finale dalle giocate di Filloy e Young. Mvp un Keifer Sykes da 31 punti e 9 assist e capace in difesa di mettere la museruola a un James da 14 punti e 0/9 da oltre l’arco. La Sidigas festeggia il terzo successo consecutivo in Serie A e sale a quota 18 punti in classifica. Rimane a 24 l’Armani.

Cronaca. Si parte subito sul filo dell’equilibrio, con James e Sykes a sfidarsi per il 7-9 dopo 4′. Le difese salgono di torno ma un paio di palle perse dell’Armani consentono ad Avellino di correre e di firmare il +4 (17-13) con Green. Pianigiani si affida al time-out per rimettere a posto le cose ma in chiusura di parziale è una tripla di Jerrels a contenere il distacco per i lombardi che chiudono il primo quarto sotto sul 24-20. Calano le percentuali degli attacchi, ma sul parquet non si spezza l’equilibrio. Kuzminskas e Della Valle da una parte e un super Sykes dall’altra fissano il 31-27 al 15′. Una tripla di Filloy consegna il +7 ai suoi (36-29 al 17′) prima che si riapra la sfida fra Sykes e James in cabina di regia. Il play di Avellino tocca quota 15 punti nel match, mentre l’ex Pana prova a caricarsi sulle spalle un’Armani non brillantissima. Tre punti di fila di Gudaitis consentono a Milano di tornare a contatto (40-39) con 37” da giocare nel quarto. Avellino perde palla e Kuzminskas non sbaglia in contropiede (40-41), mentre Green con due liberi chiude il primo tempo sul 42-41 Sidigas.

Al rientro dall’intervallo lungo è Micov con otto punti di fila a propiziare il sorpasso Milano (48-51 al 24′). La difesa dell’Armani costringe Avellino a diverse palle perse, ma la Sidigas non molla la presa e rimane agganciata all’Olimpia e con una schiacciata di Sykes in contropiede impatta a quota 58 al 26′. Pianigiani ferma tutto con un time-out ma l’attacco lombardo è inceppato, al contrario di Sykes che ne mette 8 in poco più di un minuto (29 punti al termine del terzo quarto) e consente ai padroni di casa di presentarsi all’ultimo quarto sul +5 (63-58). Si torna a segnare poco e un parziale di 4-0 firmato da Micov e Jerrels riporta sul -1 Milano (63-62) a 7’21” dalla fine. Time-out per Avellino, ma una fallo tecnico fischiato a Filloy consente all’Olimpia di rimettere la testa avanti (66-67) a 6′ dal termine. Il match è vibrante e un antisportivo comminato a Micov consente alla Sidigas con Young e Sykes di andare sul 74-71 con 4’07” da giocare. Gudaitis da sotto schiaccia, ma Green gli risponde con una tripla (77-73). James e Green non sbagliano dalla lunetta (79-75). Milano non trova la via canestro e Young schiaccia l’assist di Filloy per l’81-75 a 2’11” dalla fine. Coach Pianigiani chiama time-out e i suoi con due viaggi in lunetta di James e Gudaitis tornano sul -2 (81-79) a 1’40” dal temine. Avellino colleziona due palle ma James prima sbaglia da oltre l’arco e poi perde un pallone sanguinoso che manda Green a schiacciare l’83-79 con 18” sul cronometro. Pianigiani chiama time-out e disegna un gioco per Kuzminskas che appoggia l’83-81 a 17” dal termine. L’Armani manda in lunetta Filloy che non sbaglia a 15” dalla fine. Micov sbaglia la tripla, Avellino festeggia: l’Armani si arrende per la prima volta in campionato col punteggio di 85-81.

 

[pb-game id=”399091″]

Commenta