Attilio Caja: “Buon approccio, importante dopo una sconfitta difficile da accettare”

Attilio Caja: “Buon approccio, importante dopo una sconfitta difficile da accettare”

Il coach biancorosso elogia Ronald Moore: "Si fa in fretta a dimenticare le cose positive, ma ricordate le sue prime 13 partite"

Attilio Caja, coach della Openjobmetis Varese , analizza la vittoria contro Prishtina facendo però un passo indietro: «La cosa più importante era quella di avere un buon approccio, la sconfitta di domenica è stata molto difficile da accettare. Per tutti noi, da me ai giocatori ci siamo rimasti molto male per come è maturata e fortunatamente è stato importante giocare subito. Abbiamo ricaricato le pile, siamo stati efficaci in difesa e così trovi ritmo in attacco. È stata una partita sempre in controllo, senza particolari problematiche».

 

Sui singoli, poi, il coach biancorosso si concentra sul suo playmaker titolare: «Sono molto felice per la partita di Ronald Moore , lui soffriva a non riuscire a dare lo stesso contributo delle prime tredici giornate. Si fa presto a dimenticare tutto quello che si è fatto, lui domenica ha sbagliato ma come hanno sbagliato tanti altri. Sono contento per la sua partita così come per quella di Thomas Scrubb ».

 

Invece su Dominique Archie : «Diciamo che non è stata la sua miglior prestazione. Pecca un po’ di continuità, ma d’altronde è stato il problema della sua carriera. Altrimenti non sarebbe qui. E non credo di poter insegnargli a trent’anni passati. Ma va bene così, all’andata ad esempio è stato il migliore».

 

Approccio ma anche risposta, anche se lo scafato coach biancorosso ammette come gli inizi di partita abbiano sempre sorriso a Varese: «Se analizziamo solo i primi quarti delle partite penso che saremmo nei primi posti della classifica. Poi, però, per vincere tutte le partite servono esperienza, qualità, personalità… in un esercito ci sono generali, colonnelli. Nello sport di squadra ci sono le categorie, anche di giocatori. L’importante è avere ben chiaro che tipo di giocatori si ha a disposizione e dove si vuole arrivare».

Commenta