Andrea Diana: Contro il Galatasaray contiamo solo noi e chi saremo sul campo

Andrea Diana: Contro il Galatasaray contiamo solo noi e chi saremo sul campo

Le parole del coach di Brescia sulla sfida con il Galatasaray

“Il Galatasaray è una delle squadre storiche della pallacanestro europea e ha un palmares ricchissimo. Questo a noi non deve importare: mercoledì sera contiamo solo noi, conterà solo chi saremo sul campo”. Queste le parole con cui Andrea Diana, coach della Germani Brescia Leonessa, presenta la sfida del Round 8 di EuroCup tra la Leonessa e il Galatasaray Istanbul, in programma mercoledì 21 novembre alle ore 20.30 al PalaLeonessa di Brescia.

“Il Galatasaray ha un palmares ricchissimo: ha vinto campionati e coppe in Turchia e tre stagioni fa ha conquistato l’EuroCup – spiega il coach della Germani -. È un club di grande blasone e grande esperienza, a cominciare dal loro coach, che vanta un’importante carriera alle spalle. Molti dei loro giocatori hanno un passato in NBA, altri fanno parte delle proprie squadre nazionali. Affrontiamo una squadra completa, di altissimo livello, ma a noi tutto questo non deve interessare: mercoledì sera contiamo solo noi, conterà solo chi saremo sul campo”.

“Arriviamo da un periodo di difficoltà – continua l’allenatore toscano -, a volte siamo anche brutti da veder giocare. Ma dentro di noi c’è grande voglia di reagire e superare questo momento. Abbiamo atteso tanto per arrivare a competere in Europa e stiamo per affrontare una partita che ci potrebbe permettere di continuare a sperare in una storica qualificazione alle Top 16”.

“Voglio un clima coinvolgente, anche se siamo noi in campo a dover trascinare i nostri tifosi – conclude Diana -. Vogliamo approcciare la partita con la faccia dei guerrieri, di chi vuole combattere per 40′. In qualità di head coach, sono il responsabile della squadra: se vorrete, per ogni tiro sbagliato prendetevela con me. Lasciamo i giocatori giocare, esprimere la loro pallacanestro, liberi di sbagliare e di fare. Quella di domani sarà una partita da costruire in 40′, nei quali dovremo mostrare grande unità e grande compattezza. Abbiamo voglia di combattere e di sacrificarci, vogliamo fare l’impresa che ci permetterebbe di rimanere attaccati a una qualificazione che per noi, al primo anno in Europa, sarebbe un grande traguardo da raggiungere”.

Fonte: Ufficio stampa Leonessa Brescia.

Commenta