L’approccio dell’Alma Trieste stronca la Leonessa Brescia sul nascere

L’approccio dell’Alma Trieste stronca la Leonessa Brescia sul nascere

32-15 nel primo quarto firmato Wright. I padroni di casa trovano il ritmo troppo tardi

La previsione del patron Matteo Bonetti non è accolta, e in quella che doveva essere la prima di potenziali sette vittorie in casa, si rivela invece il terzo ko casalingo stagionale in LBA per la Germani Brescia.

Un successo a dir poco cruciale per l’Alma Trieste nella corsa playoff (2-0 negli scontri diretti), con gli uomini di Eugenio Dalmasson che raccolgono la seconda vittoria in fila dopo i quattro ko di inizio anno.

I giuliani prendono il comando delle operazioni dopo 10’ con 32 punti nel primo quarto e non lo concedono più, privi di Hrvoje Peric ma aggressivi con una difesa che annulla Luca Vitali e spiana alle transizioni indiavolate di Chris Wright. Doppia doppia alla sirena di Arturs Strautins, 12 punti e 11 rimbalzi.

Si chiude a tre la striscia positiva degli uomini di Andrea Diana, la corsa playoff resta in salita. 77-85 il finale.

[pb-game id=”399136″]

4° QUARTO

La Germani Brescia, di cuore più che di tecnica, prova a rientrare a metà quarto. Dopo 5’ è 63-76 con parziale di 10-5, ma la sensazione netta è che sia troppo tardi, come dimostra anche il 3/13 dall’arco. Cunningham scaccia i fantasmi dalla distanza con la tripla del 66-78, con un quintetto senza Luca Vitali (che non rientra più dopo 16′ soli minuti in campo) ma con l’esterno USA, Moss, Abass, Sacchetti e Beverly. A 3.53 un appoggio di David Moss per il -10 (68-78) costringe Eugenio Dalmasson al timeout. In zingarata Awudu Abass trova il -8, Sanders ferma la corsa contro il tempo con la freccia del 70-81 con 1.52, e Chris Wright la chiude in contropiede.

3° QUARTO

Non cambiano le carte in tavola con una Alma Trieste che porta a +18 il vantaggio sui padroni di casa con il 53-71 di fine terzo quarto. Beverly, con 11 punti e 9 rimbalzi, e un Abass da 10 punti e 2 recuperi sono gli unici a dare segni di vita tra gli uomini di coach Diana, 2/11 da 3 e 16’ da -21 di plus/minus per Luca Vitali. Per l’Alma sale in cattedra Strautins, con 10 punti, 1/1 da 3 e 5/6 dalla lunetta.

2° QUARTO

Avvio più convinto, senza Luca Vitali in regia, per la Germani Brescia, che in 5’ piazza un parziale di 13-5 arrivando al 28-37. Chris Wright suona la carica, Zoran Dragic colpisce dalla lunetta: è l’avvio di un parziale di 12-4 per i giuliani in 3’ che si chiude con la tripla di Sanders del 32-49. 37-52 a fine primo tempo, con Luca Vitali da 2 punti e 1 assist con -20 di plus/minus. Male l’acciaccato Cunningham, 5 punti senza canestri dal campo, e Hamilton, ancora fermo a 0. 9 per David Moss con 3/4 dal campo. Per l’Alma sono 19 di Wright, 12 di Sanders, 9/18 dall’arco e 6 recuperi sulle 9 perse dei padroni di casa.

1° QUARTO

Il patron Matteo Bonetti auspicava sette successi in casa, ma l’avvio di Brescia è tutt’altro che promettente. 0/4 da 3, 5 palle perse, e in attacco al ferro l’Alma Trieste va a nozze in contropiede. 15-32 il parziale, con 6/9 di squadra per gli ospiti da 2 e 5/8 da 3 per 4 recuperi. Domina Chris Wright, 14 punti con 4/5 da 2, 9 per Sanders con 3/4 dall’arco, 9 assist di squadra a 2.

Commenta