Abass: La linea da tre è in effetti diventata una sorta di mia nemica

Abass: La linea da tre è in effetti diventata una sorta di mia nemica

Awudu Abass domenica a Cantù da grande ex con la Germani Brescia: Approdare in una squadra importante come Brescia e ottenere una tale responsabilità fa sicuramente piacere

Lunga intervista a La Provincia per Awudu Abass, domenica a Cantù da grande ex con la Germani Brescia.

SULLA STAGIONE

«Rispetto all’anno precedente a Milano tutta un’altra storia. Vero, arrivavo da un’annata in cui le responsabilità non sapevo più cosa fossero, approdare in una squadra importante come Brescia e ottenere una tale responsabilità fa sicuramente piacere. All’inizio non è stato semplice, però a lungo andare sto migliorando e i risultati si stanno vedendo».

SUL TIRO DA TRE PUNTI

«La linea da tre è in effetti diventata una sorta di mia nemica. Quest’anno non sto tirando con percentuali sufficienti anche perché per un certo periodo ho avuto problemi al mignolo della mano di tiro e tra dicembre e gennaio è stata davvero difficile. Non la accampo però come scusa, anche perché con i miei allenatori siamo riusciti a trovare una nuova meccanica di tiro in seguito a questo infortunio. Ora le medie stanno tornando vicine a quelle che ho sempre avuto».

Commenta