Bologna vola in prima classe: Strasburgo esce sconfitta 87-81 dal PalaDozza

Bologna vola in prima classe: Strasburgo esce sconfitta 87-81 dal PalaDozza

La Virtus fa 6 su 6 e sale in testa al gruppo D, niente da fare per Strasburgo che perde a testa alta

Una partita equilibrata, divertente e sempre aperta è andata in scena al Pala Dozza tra le due ottime formazioni del Gruppo D Virtus Bologna e SIG Strasburgo. Sorpassi e controsorpassi per 35 minuti, poi nel finale i canestri di Punter, fin qui poco in partita, hanno fatto la differenza tra la vittoria e la sconfitta. Le Vu Nere vincendo contro i francesi salgono così al primo posto nel girone, ma i biancorossi lasciano Bologna a testa alta dopo una buona prestazione. Migliori in campo Mardy Collins (20 punti) e, già citato, Kevin  Punter (26 punti, 6/12 da tre).

Il primo canestro della partita è di M’Baye, che realizza un arresto e tiro dalla media con un libero aggiuntivo. Nei minuti iniziali parte però meglio Strasburgo, che con un 0-6 di parziale si porta immediatamente davanti 3-6. Bologna non segna per 5’ abbondanti, ma la formazione ospite non capitalizza anzi sciupa occasioni che avrebbero potuto allargare la forbice. Serron e Green spingono avanti i biancorossi ed è grazie a due canestri consecutivi di Aradori se la Virtus resta a contatto. Il jumper dal gomito realizzato da Punter significa doppia cifra per i suoi, anche se la difesa bianconera lascia desiderare e i francesi salgono a quota 18 con il tandem Green-Collins. La prima frazione si chiude 13-18.

Ad inizio secondo quarto la Virtus tocca rapidamente il -1, per mezzo di conclusioni facili vicine al ferro, ma Eddie con lay-up e tripla firma il 19-25. Baldi Rossi risponde subito dall’arco e i primi due di Taylor valgono il 24-25. Sempre il numero 7 in maglia bianconera trova analogamente il fondo della retina e dopo 15’ i padroni di casa passano in vantaggio per la seconda volta nel corso del match (27-25). La squadra di coach Collet rimane comunque a distanza ravvicinata, nonostante la Virtus abbia aumentato i giri del motore rispetto al primo quarto. Numerosi giri in lunetta consentono a Strasburgo, che da 3’ a questa parte segna unicamente a cronometro fermo, di rimettere la testa avanti e Baldi Rossi da sotto pareggia i conti. Si va alla pausa lunga 40-40.

Le due squadre rientrano sul parquet ed il primo a segnare è Fall. Polveri abbastanza bagnate per Bologna, anche se quando Punter si mette in ritmo infila due “bombe” consecutive. La partita prosegue in perfetto equilibrio, il duello tra Green e Punter si accende, anche eccessivamente, e gli arbitri visto il continuo “trash talking” decidono di fischiare un doppio tecnico. A 2’ dal trentesimo Cournooh liberissimo dall’angolo non sbaglia, M’Baye realizza dalla lunetta e la Virtus cerca di prendere le distanze andando 57-53. Si andrà all’ultimo quarto sul 61-58.

L’ultima frazione incomincia con una palla recuperata dalle V Nere e Kravic deposita due facili, anche se Traoré gli risponde subito. Taylor e Cournooh fanno salire Bologna 67-58, ma Sacripanti è costretto al timeout dopo che Satrasburgo gli ha messo nuovamente il fiato sul collo. Eddie spara e centra il bersaglio da tre, però M’Baye e Qvale favoriscono nel giro di qualche istante il controsorpasso (73-69). Punter piedi per terra da otto metri è una certezza: 76-69 a 3’ dalla sirena finale. I biancorossi cercano di rimanere attaccati alla partita cercando spesso i centimetri di Fall nel pitturato, ma Punter è “on fire” e i suoi iniziano a sentire il profumo della vittoria. Qvale a 25” schiaccia e ha probabilmente messo la parola fine sul match. Termina 87-81, la Virtus vince e sale al primo posto nel gruppo D.

(Foto BCL)

[pb-game id= “406408”]

Commenta