La Virtus è da 10, Cantù cade alla Segafredo Arena 89-70

La Virtus è da 10, Cantù cade alla Segafredo Arena 89-70

Decimo successo in LBA per la Virtus, Cantù cade a Bologna

Dopo la sosta, la Virtus Bologna torna a macinare punti in campionato battendo una buona Pallacanestro Cantù 89-70. Primo tempo molto in equilibrio, poi la fuga dei padroni di casa nel terzo quarto che si sono guadagnati il +20 e nell’ultimo quarto hanno poi chiuso la pratica definitivamente. Decimo successo consecutivo in campionato per la Virtus Bologna, prima in classifica.

Buon inizio per la Pallacanestro Cantù che scende in campo senza timori davanti al pubblico della Segafredo Arena contro la capolista Virtus Bologna. Burnell ed Hayes sono i migliori per la formazione di Pancotto, la difesa dei padroni di casa è un po’“blanda” nei primi minuti e Cantù è davanti 10-13. Sale in cattedra Teodosic e l’attacco delle Vu Nere sembra sbloccarsi, primo quarto molto divertente ed equilibrato: 21-21.

Cambia marcia Bologna nel secondo quarto e si porta per la prima volta in doppia cifra di vantaggio grazie ad un parziale di 15-5. Cantù però non sta a guardare e si risveglia, trascinata dal buon Wilson sempre presente vicino al ferro. Risposta 8-0 dei lombardi ed è 36-34 a 1′ dalla seconda sirena. Ricci si rende protagonista di due buone iniziative e la Virtus sale 40-36. Il primo tempo si chiude 41-36, annullato il canestro sulla sirena di Teodosic.

Polveri un po’bagnate ad inizio terza frazione. Il primo canestro del secondo tempo è di Collins che spara da tre punti il -2 (41-39). Gamble sembra aver decisamente cambiato approccio rispetto ai primi due periodo, la Virtus sale 49-41 ed è soprattutto merito suo. Tuttavia il numero 45 in maglia bianconera rimedia un tecnico e Djordjevic sceglie di sostituirlo con Hunter per calmarlo. Teodosic si scalda e la Virtus prende le distanze toccando il massimo vantaggio di +14 sul 62-48. Terza frazione strepitosa per Bologna che chiude con l’asse Teodosic-Hunter che allo scadere chiude 69-49. Si va dunque all’ultimo quarto sul +20 interno. Nonostante ciò Cantù non si da per vinta e iniziano l’ultimo quarto con un 8-0 di parziale per accorciare le distanze. Djordjevic non vede i suoi come vorrebbe, chiama time out e successivamente la Virtus ritorna a +16. Nell’ultimo minuto spazio anche per il giovanissimo Deri che realizza due liberi.

Commenta